extreme e

Extreme E debutta in Cile: il deserto di Atacama pronto a emozionare con la sua velocità

Nuova tappa del mondiale elettrico per SUV col primissimo appuntamento in terra cilena nella storia della competizione

  • A
  • A
  • A

L'Extreme E, il primo campionato mondiale elettrico per SUV, è pronto a fare il suo gran debutto in Cile. L'Antofagasta Minerals Copper X Prix sarà infatti il primo appuntamento in assoluto in terra cilena per la competizione e il weekend del 24 e 25 settembre si prospetta già ricco di emozioni e colpi di scena. Nel deserto di Atacama, uno dei luoghi più aridi del mondo, è infatti stato progettato un layout che renderà qualifiche e gara non adatti ai deboli di cuore, con un sali e scendi di emozioni come su una montagna russa.

Tre chilometri di tracciato tra le dune del deserto, l'intero percorso dell'Antofagasta Minerals Copper X Prix è ricco di cambi di quota, variazioni di pendenza, curve ad alta velocità e salti, il tutto per creare una delle gare più veloci ed emozionanti mai viste dai piloti.

Il layout della gara in Cile -"Questo percorso promette di essere uno dei migliori mai visti nel calendario Extreme E, ne siamo tutti estremamente entusiasti. Abbiamo dato molta importanza alla creazione di un layout che presenta molte curve veloci e ampie, variazioni di pendenza per mettere alla prova le capacità tecniche dei piloti, oltre a salti che dovrebbero assicurarci di vedere tutto il potenziale dell'ODYSSEY 21 in Cile" ha detto James Taylor, Chief Championship Officer. Ha poi assicurato: "Data la larghezza del percorso, dovrebbero esserci anche molteplici opportunità di sorpasso per i piloti durante tutto il fine settimana, il che significa che la nostra prima visita in Sud America promette di essere spettacolare".

A proposito di layout, la pista pensata per la gara in Cile permetterà di assistere a tanti sorpassi, quindi sarà cruciale posizionarsi bene in qualifica. Grazie a linee di percorrenza alternative, infatti, non ci saranno di certo esclusioni di colpi nei sorpassi che data la natura del tracciato saranno creativi come l'Extreme E ha insegnato negli ultimi anni. Attenzione anche ai dislivelli che potrebbero giocare un ruolo fondamentale nel corso della gara, con i cambi di pendenza che se presi ad alta velocità potrebbero consentire da un lato di sfruttare al meglio le potenzialità del fuoristrada, ma dall'altro potrebbero anche portare a gravi perdite di tempo. Il traguardo, poi, è preceduto da un salto finale che promette colpi di scena. L'ultima parte del tracciato potrebbe quindi regalare sorprese ed emozioni, con i piloti che potrebbero regalare sorpassi al cardiopalma per una conclusione di gara al fotofinish con i SUV del campionato elettrico pronti a volare, in tutti i sensi, sul traguardo.

Debutto in Cile, il parere dei piloti -Fraser McConnell si è detto entusiasta della nuova sfida: "È sicuramente un percorso molto eccitante. Il layout ti consente di spingere davvero e mettere a punto quei piccoli dettagli in pista, il che garantirà un tempo sul giro più veloce. Trovare ogni decimo che puoi sarà fondamentale, specialmente con un layout più corto come questo. Ci sono anche molte creste cieche, quindi devi scegliere i tuoi punti, impegnarti e avere una linea visiva nella tua mente di ciò che ti aspetta, ed essere livellato sui salti con il naso in su".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti