Serie B, la rabbia del Venezia: Niente playout

Il dg Scibilia: "Diritti lesi, ci tuteleremo in ogni sede legale". E Cosmi...

  • A
  • A
  • A

Serie B sempre più nel caos, adesso tocca al Venezia alzare la voce. Il club lagunare ha convocato una conferenza stampa d'urgenza, trasmessa in diretta Facebook questa mattina alle 12, per opporsi alla decisione del Consiglio Federale e chiedere ufficialmente la sospensiva dei playout. Non annullamento, quindi, ma solo una sospensione, per consentire ai due team di preparare fisicamente e tecnicamente nel modo adeguato due partite che valgono una stagione per entrambe. La gara d'andata, contro la Salernitana, è prevista per mercoledì prossimo (5 Giugno, ore 20,45) allo Stadio Arechi. La gara di ritorno, invece, dovrebbe disputarsi il 9 Giugno al Penzo, ore 18,00.

Presenti, al cospetto dei giornalisti, il Direttore generale Dante Scibilia, l'allenatore Serse Cosmi e, in rappresentanza dei giocatori, Matteo Bruscagin. Queste le parole del Dg: “Il 5 non è una data in cui si possono giocare i playout, devono essere sospesi. Il Venezia non è stato tutelato come altre società e impugna la decisione del presidente di lega. Per quindici giorni ci hanno detto che eravamo salvi e non potevamo intervenire in nessun giudizio o provvedimento – commenta Scibilia - oggi i nostri diritti sono lesi e vogliamo difenderci, siamo vittime del sistema. Non siamo l'agnello sacrificale, eravamo pronti a fare i playout, ma ci hanno detto che non dovevamo giocare. Questa situazione andava gestita mesi fa, non all'ultimo momento. Ci tuteleremo in sede legale".

Adirato, a dir poco, anche Serse Cosmi: “Noi non ci siamo allenati regolarmente, perchè ci avevano detto che non dovevamo giocarli i playout. Chi ha giocato a calcio sa come si preparano certi eventi, decidono il destino di due squadre. Abbiamo giocatori in scadenza e altri in prestito, senza essere ipocriti è inimmaginabile pensare che siamo pronti. Da allenatore – prosegue l'allenatore del Venezia - non posso accettare che ciò che avviene fuori dal campo sminuisca l'evento sportivo. Non parlo di campionato falsato, ma l'attendibilità è inesistente, la credibilità non c'è. Ci dicono che siamo salvi per venti giorni, poi vogliono che giochiamo, altrimenti s'incazzano anche. Ci mandano al massacro. La dignità – dichiara amaro Cosmi - è un valore che prescinde dallo stipendio che prendi, non è perchè siamo pagati che dobbiamo essere calpestati. L'anno scorso ad Ascoli ci siamo preparati e ci siamo salvati sul campo, oggi non ci sono quei presupposti. Voi che raccontate il calcio (i giornalisti), mettete in rilievo l'aspetto tecnico, altrimenti diventiamo più esperti di burocrazia che di calcio giocato. Possiamo anche andare a giocare con le infradito, bendati, etc.. Questo non è sport. Io ho l'obbligo di andare in campo – conclude infine Serse - se la società me lo dice. Vado a fare il burattino fino a Salerno, la faccia l'ho sempre messa, uscirò con le ginocchia spaccate, ma la schiena è sempre dritta”.

Sulla stessa linea, ovviamente, il difensore Matteo Bruscagin: “Il 13 maggio ci hanno detto che la nostra stagione era finita, due giorni prima eravamo contenti di poter gicoare i playout dopo una stagione difficile contro la Salernitana. Nessuno di noi ha chiesto di non giocarli, ci hanno detto che eravamo salvi. Chiunque ha giocato a calcio – prosegue Bruscagin - sa che a quel punto in allenamento l'intensità viene meno, anche perché ci sono giocatori in scadenza o in prestito, la verità è questa. Non abbiamo affettato recuperi di giocatori infortunati o acciaccati, sono dinamiche normali. Ci si gioca contratti, premi, salvezza, destino sportivo e chi decide non sa cosa significhi questo. Dubito che possiamo essere pronti per affrontare due battaglie fisiche ed emotive, e così anche per la Salernitana. Ci siamo allenati senza avere obiettivi – spiega bene il difensore del Venezia - non potevamo preparare un playout fantasma. La considero, questa, una forzatura, una follia sportiva. Come mandare i soldati in guerra senza lo scudo, a queste condizioni non siamo pronti ".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments