SALERNITANA-VENEZIA 2-1

Serie A, Salernitana-Venezia 2-1: Bonazzoli e Verdi fanno sognare l'Arechi, veneti quasi condannati

Una rete per tempo regalano tre punti alla squadra di Nicola che supera il Cagliari in classifica. Ai lagunari non basta Henry

  • A
  • A
  • A

La Salernitana ha battuto 2-1 il Venezia nel recupero della 20a giornata di Serie A, uscendo per la prima volta in stagione dalla zona retrocessione. Scontro salvezza dell'Arechi sbloccato già al 6' dal rigore di Bonazzoli per fallo di mano di Ceccaroni. Nella ripresa il Venezia è riuscito a pareggiare con il solito timbro di Thomas Henry al 58', ma meno di dieci minuti più tardi è stato Verdi a mettere la firma definitiva sul match. I tre punti vanno alla Salernitana che sale a quota 29, mentre il Venezia - alla decima sconfitta di fila - resta ultimo con 22.

LA PARTITA

Tredici punti nelle ultime cinque partite di campionato. Così la Salernitana, vincendo 2-1 il recupero della 20a giornata di Serie A contro il Venezia in uno dei classici scontri salvezza, sta confezionando un miracolo. All'Arechi la squadra di Nicola ha conquistato altri tre punti, mettendo la testa fuori dalla zona retrocessione per la prima volta in stagione con una vittoria che al tempo stesso risuona quasi come una condanna per i lagunari. Per quella definitiva manca solo l'aritmetica.

Ha vinto la maggiore qualità in campo messa dalla Salernitana, con Bonazzoli e Verdi in gol, ma anche con le giocate di un centrocampo che col mercato di gennaio ha trovato qualità e quantità in Bohinen ed Ederson. Al resto hanno pensato gli uomini di esperienza come Fazio e Radovanovic, sicuri e sempre sul pezzo in ogni zona del campo.

La tensione dell'Arechi si è fatta sentire fin dalle prime battute, ma alla prima occasione il pubblico di casa ha avuto il modo di scaricarla esultando per il gol su rigore di Bonazzoli dopo il fallo di mano di Ceccaroni sulla girata di Fazio. La reazione del Venezia per tutto il primo tempo non è arrivata, mentre Ederson in un paio di occasioni e Djuric hanno sfiorato il raddoppio.

Nella ripresa il Venezia ha però trovato il pareggio al 58' con il solito Henry, lesto a ribadire in rete una grande parata di Sepe su Caldara, ma è proprio lì che la Salernitana ha vinto la partita grazie alla qualità. Nicola dalla panchina ha pescato Simone Verdi, prima ancora di Ruggeri, Perotti e Kastanos, e proprio l'ex Torino al 67' ha trovato l'azione giusta per conquistare tre punti e fare uno scatto deciso verso una salvezza che avrebbe tutti i connotati del miracolo.

--
LE PAGELLE

Bonazzoli 7 - Glaciale dal dischetto, sblocca subito il match e indirizza la partita sui binari dei campani. Nervoso, perde un po' di precisione nel tocco, ma negli ultimi metri è sempre importante. 

Ederson 6,5 - Dà l'ormai consueta qualità nel palleggio e tiene in apprensione il Venezia con i suoi inserimenti. Sfiora un gol in acrobazia che avrebbe avuto dell'incredibile.

Fazio 7 - A Salerno sta vivendo una seconda giovinezza e in questo scontro diretto ha giocato una sfida in proiezione offensiva come poche volte in precedenza. Salendo palla al piede sulla sinistra e giocando sempre in anticipo sugli attaccanti avversari. Inoltre procura il rigore del vantaggio.

Henry 6,5 - La sua firma non manca anche in una partita passata a battagliare con la difesa avversaria, vedendo pochi palloni. Si fa trovare pronto nell'unica vera occasione che gli capita.

Ceccaroni 5 - Ha la colpa - e la sfortuna - di tenere il braccio largo sulla girata di Fazio causando il rigore a inizio partita. L'ultimo a mollare, ma passa una partita di grande difficoltà.

--

IL TABELLINO

SALERNITANA-VENEZIA 2-1
Salernitana (3-5-2):
Sepe (18' st Belec); Gyomber, Radovanovic, Fazio; Mazzocchi, Coulibaly (17' st Kastanos), Bohinen, Ederson, Zortea (29' st Ruggeri); Djuric (39' st Perotti sv), Bonazzoli (17' st Verdi). A disp.: Russo, Capezzi, Di Tacchio, Dragusin, Gagliolo, Mikael, Obi, Perotti, Ruggeri. All.: Nicola
Venezia (3-4-1-2): Maenpaa; Svoboda (30' st Nsame), Caldara, Ceccaroni; Mateju (39' st Johnsen), Peretz (18' st Crnigoj), Ampadu, Haps (1' st Ullmann); Aramu; Henry, Okereke (18' st Busio). A disp.: Bruno, Cuisance, Fiordilino, Kiyine, Makadji, Nani, Tessmann. All.: Soncin.
Arbitro: Mariani
Marcatori: 7' rig. Bonazzoli (S), 13' st Henry (V), 22' st Verdi (S)
Ammoniti: Ederson, Bohinen (S); Ceccaroni, Mateju, Svoboda (V)
Espulsi: 44' st Ampadu (V) per somma di ammonizioni
--

LE STATISTICHE DI OPTA

•    La Salernitana si trova fuori dalla zona retrocessione di Serie A per la prima volta dal 28 agosto 2021, a 250 giorni di distanza.
•    Simone Verdi ha realizzato quattro reti in 12 partite con la maglia della Salernitana in Serie A, tante marcature quante quelle messe a segno nelle precedenti 69 presenze nella competizione con il Torino.
•    La Salernitana ha vinto quattro delle ultime cinque gare in Serie A, solamente una vittoria in meno di quelle quelle ottenute nelle precedenti 35 incontri in massima serie.
•    La Salernitana non perde da cinque partite consecutive in Serie A (4V, 1N) e non ha mai fatto meglio in stagione.
•    Quattro degli ultimi nove gol casalinghi della Salernitana in questa Serie A sono stati siglati da Federico Bonazzoli.
•    Federico Bonazzoli ha realizzato nove reti in 29 gare di questo campionato, uno in più di quelli segnati nelle precedenti 62 presenze in Serie A (otto).
•    Tre dei cinque gol realizzati da Simone Verdi in questa Serie A sono arrivati entrando dalla panchina (compresi gli ultimi due contro Udinese e Venezia).
•    Thomas Henry ha segnato otto gol e tre assist in questo campionato: è il giocatore del Venezia che conta più partecipazioni in questa Serie A (11).
•    Per la prima volta nella sua storia il Venezia ha perso dieci partite consecutive in una singola stagione di Serie A.
•    La Salernitana ha trovato il gol su calcio di rigore in casa in Serie A dopo 8411 giorni. L’ultimo dal dischetto tra le mura amiche lo aveva realizzato Marco Di Vaio contro il Bologna il 25 aprile 1999.
•    La Salernitana ha trovato la rete in tutte le ultime sei partite in Serie A e soltanto una volta nella sua storia è andata a segno per più gare di fila in una singola edizione del massimo campionato italiano (nove, tra gennaio e marzo 1999).
•    Il Venezia è la squadra che ha incassato più gol su calcio di rigore in questa Serie A (11).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti