Serie A, Roma-Fiorentina 2-2: spettacolo all'Olimpico

Zaniolo risponde a Pezzella nel primo tempo, Perotti a Gerson nella ripresa

di
  • A
  • A
  • A

Grande spettacolo nella Capitale, ma il pareggio non serve a nessuno. Nella 30esima giornata di Serie A Roma e Fiorentina danno vita a una gara divertentissima e impattano 2-2 all'Olimpico. Pezzella apre le marcature al 13', Zaniolo gli risponde un minuto più tardi e il copione si ripete anche nella ripresa: al gol di Gerson al 51' risponde Perotti al 56'. I gialorossi tornano a muovere la classifica ma restano a meno 4 dal quarto posto, i viola salgono a quota 39.

LA PARTITA

Per rialzarsi dopo due sconfitte consecutive Claudio Ranieri lascia in panchina il criticatissimo Olsen, al suo posto Mirante, ritrova Zaniolo dal 1' e in attacco si affida nuovamente a Dzeko, nel tridente con Perotti e Kluivert (solo panchina per Under). Pioli, che deve rinunciare all'infortunato Chiesa, risponde con il conseueto 4-3-3 con Gerson nei tre davanti insieme a Simeone e Muriel e Dabo a centrocampo con Veretout e Benassi. L'avvio di partita è subito vivace, Roma pericolosa al 3' col cross di Santon, Benassi risponde un minuto dopo ma Mirante è bravo a dirgli di no, poi ci prova anche Zaniolo (10'). Rispetto alla gara col Napoli la Roma è più combattiva, attacca con più uomini e pressa alto, ma la Fiorentina è in salute e psicologicamente più leggera e di certo non rinuncia a giocare. Al 12' Mirante è super su Muriel sulla ripartenza viola ispirata da Gerson, ma sul corner che ne segue il portiere non può nulla sul colpo di testa di Pezzella, che da due passi la mette sotto la traversa e dedica il gol ad Astori (era quasi il minuto 13). Neanche il tempo di festeggiare per i viola che la Roma reagisce subito, alla prima azione offensiva Kluivert si libera sulla destra e la mette in mezzo per Zaniolo, che di testa la indirizza all'angolino e batte Lafont segnando il suo quarto centro in campionato (14'). Anche dopo il botta e risposta la partita si mantiene molto viva, divertente, con continui cambi di fronte e ricca di belle giocate e di errori che provocano occasioni da rete, al 24' bolide da fuori di Muriel che centra in pieno il palo, otto minuti più tardi occasione per Dzeko di sinistro dal limite. Si va al riposo sul risultato di 1-1.

La ripresa comincia con gli stessi 22 in campo e con la Fiorentina che fa possesso palla, dopo sei minuti la prima emozione è targata Gerson, che si coordina dal limite e segna il classico gol dell'ex battendo Mirante con l'aiuto della deviazione della punta del piede di Juan Jesus. Fiorentina avanti 2-1, ma come nel primo tempo la reazione della Roma non si fa attendere e cinque minuti dopo la rete di Gerson risponde Perotti che, anche lui grazie a una deviazione, firma il 2-2 di destro su assist del solito Kluivert. Proprio l'olandese è il primo a lasciare il campo per fare posto al più difensivo Pellegrini, poco dopo Pioli risponde inserendo invece Chiesa al posto di Benassi e spostando Gerson in posizione di mezz'ala. Anche dopo i cambi a regnare in campo è l'equilibrio, le due squadre giocano a viso aperto e vanno entrambe a caccia della vittoria, Santon da forfait per l'ennesimo guaio muscolare della stagione dei giallorossi e al suo posto entra Karsdorp, poi al 30' Ranieri finisce le sostituzioni inserendo Under per Zaniolo (e lasciando seduto Schick). La Roma ci prova col colpo di testa di Nzonzi, che da buona posizione mette alto, la Fiorentina tenta di rispondere, ma nel finale è predominio giallorosso: gli uomini di Ranieri costringono i viola sulla difensiva, ma non riescono a sfondare, Dzeko e Pellegrini sparano a salve e al triplice fischio è 2-2. Un pareggio che non serve a nessuno.

LE PAGELLE Mirante 6,5 - Parte dall'inizio al posto di Olsen e di certo non lo fa rimpiangere. Ottime parate su Benassi e Muriel e incolpevole sui gol.
Zaniolo 7 - Torna dal 1' e la sua presenza si sente subito. Sempre elegante nelle giocate, sembra non stancarsi mai di scattare e trova anche il quarto centro in Serie A.
Dzeko 5 - Altra prova incolore per il bosniaco, che ormai all'Olimpico in campionato non fa gol da un anno. Fischiato.
Kluivert 6,5 - Nonostante il gol di Perotti è forse il più positivo del tridente giallorosso. Suoi gli assist per entrambi i gol.

Pezzella 7 - Ottima partita difensiva e bellissima dedica ad Astori al momento del gol. Proprio al minuto 13.
Gerson 7 - Contro la sua ex squadra gioca forse la miglior partita della stagione. Molto bene nel tridente, a suo agio anche da mezz'ala. Fortunato ma meritato il gol.
Muriel 6,5 - Per lunghi tratti della gara sembra un corpo estraneo alla squadra,ma quando si accende è uno spettacolo. Bellissimo il palo che colpisce nel primo tempo.
Chiesa 6 - Assenza pesante a inizio gara, entra nella ripresa ma non riesce a incidere.

IL TABELLINO

ROMA-FIORENTINA 2-2

ROMA (4-3-3): Mirante 6,5; Santon 5,5 (22'st Karsdorp 6), Fazio 6,5, Juan Jesus 5,5, Kolarov 6; Cristante 5,5, Nzonzi 6,5, Zaniolo 7 (30'st Under 6); Kluivert 6,5 (13' Pellegrini 6), Perotti 6,5, Dzeko 5. A disp.: Olsen, Fuzato, Marcano, Karsdorp, De Rossi, Pastore, Pellegrini, Coric, Riccardi, Schick, Under. All. Ranieri 6.
FIORENTINA (4-3-3): Lafont 6; Milenkovic 5,5, Pezzella 7, Vitor Hugo 6,5, Biraghi 6; Veretout 6, Benassi 6 (18'st Chiesa 6), Dabo 6,6; Muriel 6,5, Gerson 7, Simeone 5 (23'st Mirallas 6). A disp.: Terracciano, Brancolini, Ceccherini, Laurini, Hancko, Norgaard, Montiel, Vlahovic, Chiesa, Mirallas. All. Pioli 6.

Arbitro: Massa
Marcatori: 12'pt Pezzella, 14'pt Zaniolo, 6'st Gerson, 11'st Perotti
Ammoniti: Kolarov, Perotti, Karsdorp, Mirante (R), Simeone, Milenkovic, Veretout, Biraghi (F)
Espulsi:

LE STATISTICHE 15º pareggio per la Fiorentina in questo campionato, meno solo del Valencia (16) fra le squadre dei top-5 campionati europei in corso.
La Roma ha subito gol per la 12ª gara interna di fila in Serie A: la striscia casalinga più lunga per i giallorossi nella loro storia in questa competizione.
La Roma è la squadra che ha segnato di più nel corso dei primi 15 minuti di gioco in questo campionato (11 reti).
La Fiorentina ha subito gol per la settima partita consecutiva di Serie A per la prima volta da febbraio 2018.
Solo Jadon Sancho è più giovane di Nicolò Zaniolo fra i centrocampisti che hanno segnato almeno quattro gol nei cinque maggiori campionati europei in corso.
Cristiano Biraghi è l'unico difensore ad aver servito almeno quattro assist in entrambi gli ultimi due campionati di Serie A.
Diego Perotti ha segnato una rete su azione in Serie A per la prima volta da marzo 2018.
Solo cinque delle ultime 17 reti realizzate da Diego Perotti in Serie A non sono arrivate su calcio di rigore.
Justin Kluivert ha servito due assist in questo match: l'ultimo giocatore olandese a servire due passaggi vincenti nello stesso incontro di Serie A è stato Kevin Strootman con la Roma contro il Chievo a maggio 2017.
Germán Pezzella ha segnato la sua terza rete in Serie A, la prima in trasferta e la seconda con un colpo di testa.
Sono passati estatamente 95 secondi fra la prima rete del match di Pezzella e il pareggio di Zaniolo.
Antonio Mirante ha disputato la prima partita con la maglia della Roma all'Olimpico in Serie A.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments