INTER-FIORENTINA 0-1

Serie A, Inter-Fiorentina 0-1: Bonaventura firma il colpo a San Siro

Una rete del centrocampista al 53' vale la quinta vittoria di fila per i viola di Italiano. Inzaghi invece al quarto ko nelle ultime cinque

di
  • A
  • A
  • A

Inter-Fiorentina 0-1 nella 28a giornata di Serie A. A San Siro, i nerazzurri di Simone Inzaghi hanno raccolto la quarta sconfitta nelle ultime cinque giornate di campionato (la terza di fila) cadendo per il colpo di testa di Bonaventura al 53'. La quinta vittoria di fila in Serie A per la Viola di Italiano certifica la crisi dell'Inter, ancora una volta vittima di se stessa con tante occasioni da gol divorate da Lukaku e Mkhitaryan. Inter anche sfortunata con il palo di Barella.

LA PARTITA

Per provare a raccontare Inter-Fiorentina 0-1, il primo successo viola al Meazza nerazzurro dopo otto anni, dovrebbero bastare i numeri. Quelli raccontano di 16 conclusioni dell'Inter contro le 19 della Fiorentina, di cui però solo tre per parte nello specchio della porta. Due di quelli della Fiorentina sono arrivati nella stessa azione e hanno portato al gol di Bonaventura sulla ribattuta di Onana dopo il colpo di testa di Cabral. Per gli amanti delle metriche avanzate poi, secondo gli Expected Goals l'Inter avrebbe dovuto vincere 3-1 la partita e invece gli uomini di Simone Inzaghi sono ricascati in un ormai cronico difetto: l'imprecisione davanti alla porta. Tradotto, per i nerazzurri la decima sconfitta stagionale in campionato nonché la terza di fila e la quarta nelle ultime cinque. Per la Fiorentina, rinata nel 2023, quinto successo di fila in Serie A e ottavo in generale.

Sul rettangolo di gioco però si è vista una partita con due squadre molto lunghe - e di conseguenza offensive - fin dalle prime battute, facendo piovere le occasioni da rete già dai primissimi secondi di gioco da una parte all'altra del campo. Dopo 30 secondi Ikone ha conquistato un corner con un buona occasione alla prima azione della partita e da lì, con cadenza e ritmo casuale, le due fasi offensive hanno preso il sopravvento su un filtro a centrocampo pressoché inesistente per entrambe le formazioni. Tra un'occasione e l'altra più o meno potenziale c'è stata una costante: verticalizzando alle spalle della difesa della Fiorentina, l'Inter si è trovata almeno tre volte due contro uno al limite dell'area di Terracciano e tutte le volte, vuoi per imprecisione tecnica o per distrazione, non ha saputo trovare il gol. Colpevoli nel primo tempo Dumfries, Lukaku e Mkhitaryan. Nell'area opposta invece è toccata a Ikoné l'errore più clamoroso non trovando l'appoggio a porta praticamente sguarnita.

Il copione non è cambiato nella ripresa, anzi. A pochi secondi dal rientro in campo Gosens ha calciato sopra la traversa da buona posizione, trovando poi la risposta della Fiorentina con un destro a giro di Castrovilli a centimetri dall'incrocio dei pali. È stato però il botta e risposta tra il 49' e il 53' a fare tutta la differenza del mondo: la botta, alle ambizioni dell'Inter, l'ha data Lukaku mancando il pallone da pochi passi con un San Siro già esultante; la risposta, invece, porta la firma di Bonaventura che appostato sul secondo palo sugli sviluppi di un corner ha ribadito in rete di testa una parata di istinto di Onana per il gol da tre punti. Sì perché dopo lo 0-1 e nonostante la girandola dei cambi, le chances per pareggiare non sono mancate all'Inter - su tutte il palo di Barella dal limite -, ma neanche di rendere più pesante un passivo che comunque sconforta i tifosi nerazzurri fermi a quota 50 punti in 28 partite, solo tre in più rispetto al 26 febbraio. Parziale in cui la Viola di Italiano ha fatto filotto portandosi a casa 15 punti lasciando la zona brutta di classifica e riempiendo di rimpianti il proprio bagaglio stagionale in campionato.

LE PAGELLE

Lukaku 5 - La forma è buona, il morale dopo le nazionali alto. Con l'Inter però si è rivisto un giocatore troppo impreciso davanti al portiere e le diverse palle gol sprecate davanti a Terracciano, a conti fatti, sono costate punti.

Correa 5 - Inzaghi gli consegna un'altra occasione ma la spreca con un'altra prestazione incolore e, per i tifosi nerazzurri, irritante. Nonostante le praterie lasciate dalla difesa viola, lui non è mai pericoloso.

Mkhitaryan 6,5 - In una sfida con larghi spazi in campo, l'armeno è il migliore dei suoi a ribaltare l'azione di gioco sia in prima persona che creando occasioni per i compagni. Come gli altri, però, pecca di cinismo.

Bonaventura 7 - Il gol è da rapace dell'area di rigore appostato sul secondo palo dove è lesto ad anticipare Bastoni. Prima e dopo però la sua è una partita di qualità tra le linee dove mette in difficoltà la retroguardia nerazzurra.

Castrovilli 6,5 - È tornato e la certificazione è arrivata a San Siro. Prova maiuscola in mezzo al campo sia in fase offensiva, dove palleggia con qualità, sia in quella difensiva dove due volte si trova a chiudere uno contro uno su Lukaku senza tremare.

Dodò 7 - Prestazione di alto livello per l'esterno brasiliano che ha confermato tutti i progressi del 2023. Sempre attento sugli inserimenti degli esterni nerazzurri.

--

IL TABELLINO

INTER-FIORENTINA 0-1
Inter (3-5-2):
Onana 6,5; Darmian 6, Acerbi 5,5, Bastoni 5,5 (18' st De Vrij 6); Dumfries 5, Barella 6, Brozovic 5,5 (33' st Dzeko sv), Mkhitaryan 6,5 (33' st Asllani sv), Gosens 6 (18' st Bellanova 6); Lukaku 5, Correa 5 (18' st Martinez 5,5). A disp.: Handanovic, Zanotti, Gagliardini, Carboni. All.: S. Inzaghi 5,5.
Fiorentina (4-2-3-1): Terracciano 6,5; Dodo 7, Quarta 6,5 (1' st Milenkovic 6,5), Igor 6,5, Biraghi 6; Bonaventura 7, Mandragora 6 (31' st Ranieri 6); Ikone 5,5 (31' st Barak 6), Castrovilli 6,5 (21' st Amrabat 6), Saponara 6 (21' st Sottil 5,5); Cabral 6,5. A disp.: Cerofolini, Vannucchi, Terzic, Venuti, Bianco, Gonzalez, Brekalo, Kouamé. All.: Italiano 6,5.
Arbitro: Maresca
Marcatori: 8' st Bonaventura
Ammoniti: Brozovic, Acerbi (I); Castrovilli, Amrabat, Ikone (F)
Espulsi: nessuno
--

LE STATISTICHE DI OPTA

La Fiorentina ha battuto l'Inter in Serie A per la prima volta dal 22 aprile 2017 (5-4 al Franchi), interrompendo una striscia di 11 gare senza successi contro i nerazzurri.
La Fiorentina ha vinto cinque partite di fila in campionato per la prima volta dal periodo tra febbraio-aprile 2018 (sei in quel caso con Stefano Pioli alla guida).
L’Inter ha perso tre match consecutivi di Serie A per la prima volta da aprile-maggio 2017 (quattro in quel caso).
L'Inter ha perso 10 partite in una singola edizione della Serie A per la prima volta dal 2016/17 (quando registrò 14 sconfitte in tutto il campionato).
Vincenzo Italiano ha superato i 100 punti in Serie A sulla panchina della Fiorentina (102), vincendo la sua prima sfida da allenatore contro l'Inter nel massimo campionato italiano.
Giacomo Bonaventura non segnava un gol di testa in Serie A dal gennaio 2018, sempre al Meazza, con la maglia del Milan contro la Lazio.
Giacomo Bonaventura ha eguagliato il suo bottino di gol dello scorso campionato (quattro), in sette presenze in meno (24 v 31).
Giacomo Bonaventura ha segnato il suo terzo gol in Serie A sugli sviluppi di calcio d'angolo: i precedenti due erano arrivati con la maglia dell'Atalanta, nel 2012 e nel 2014.
L'Inter è ora una delle due squadre (a pari della Sampdoria) contro cui Bonaventura ha preso parte a più reti in Serie A (cinque gol e tre assist).
Romelu Lukaku ha disputato oggi la sua 300ª partita da titolare in carriera nei maggiori cinque campionati europei.
Riccardo Saponara ha giocato oggi la sua 100ª partita con la maglia della Fiorentina considerando tutte le competizioni.
200ª presenza nei maggiori cinque campionati europei per Jonathan Ikoné.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti