GENOA-SPAL 2-0

Serie A, Genoa-Spal 2-0: Pandev e Schone illuminano Marassi, estensi nel baratro

Squillante vittoria del Grifone, la prima in campionato da marzo. Tutto male per gli ospiti, tranne Letica che para un rigore a Iago Falque

  • A
  • A
  • A

Il Genoa torna a vincere per la prima volta da marzo e batte per 2-0 una Spal sempre più ultima in fondo alla classifica della Serie A. Partita a senso unico a Marassi, dove il Grifone si porta in vantaggio al 24' grazie a Goran Pandev e trova il raddoppio al 54' con una punizione magistrale di Lasse Schone. Per gli ospiti nessun tiro in porta e l'unica buona notizia rappresentata da Letica, che neutralizza un rigore di Iago Falque al 37'.

LA PARTITA
Una Spal ormai senza alcun tipo di mordente, e aggrappata alla serie A per una mera questione aritmetica (il quart'ultimo posto è distante 11 punti, e a disposizione ce ne sono ancora 18). Dall'altra parte un Genoa improvvisamente rinvigorito, che torna alla vittoria dopo 2 punti in 5 partite e si stringe intorno a leader incrollabili come Goran Pandev, o big finora ampiamente deludenti come Lasse Schone. Questa l'estrema sintesi della sfida di Marassi. In cui, sotto un solleone che solo la leggera brezza ligure rende in parte meno bollente, si affrontano due delle squadre più in difficoltà del campionato. Per un pomeriggio però il Grifone prova a dimenticarsi tutti i suoi problemi, e già al 2' si rende pericoloso su punizione con Schone. La Spal prova a metterci la grinta, ma non c'è altro. E infatti Perin non corre alcun rischio per tutta la partita. Intanto i rossoblù lottano con un Pinamonti molto attivo, Cassata utilissimo tra le linee, Biraschi che si inventa una serpentina irresistibile sulla destra (senza esito) e Schone che prova a metterci il fosforo. Latitano però le occasioni, almeno fino a quando al 24' Iago Falque controlla un lancio lungo e serve Pandev. Il macedone, tornato titolare, si prende il lusso di controllare di mancino saltando Bonifazi e poi scarica una sassata di destro che lascia di stucco Vicari in marcatura e Letica tra i pali.

Trovato il gol che stava cercando, il Genoa comincia a giocare a mente libera e torna a divertirsi dopo settimane se non mesi di apnea. Così Pinamonti sfida Letica dalla distanza, poi ci prova ancora Pandev. È però Cassata a creare il più grosso problema nell'area spallina, tanto che a Reca non resta nient'altro da fare che abbatterlo: inevitabile il rigore, affidato a Iago Falque. Letica però dice di no allo spagnolo e al 37' si resta sull'1-0. Solo a questo punto arriva una parziale scossa Spal, che però si concretizza solo in un mancino alle stelle di Tunjov. Dopo l'intervallo si torna quindi sui temi di fine primo tempo: il Genoa gioca e si diverte, la Spal non riesce a reagire in alcun modo. Quando poi al 54' Dabo stende Pandev e Schone si inventa una punizione perfetta, un destro a giro da campione sul palo di Letica, appare evidente che la partita sia sostanzialmente finita. Il tabellino potrebbe però ancora arricchirsi di ulteriori gol, tutti di marca rossoblù: Pinamonti sfiora il palo con una girata improvvisa, Masiello sfodera un bolide di sinistro da fuori area su cui è Cionek a mettere una pezza e nel finale vanno vicini alla gioia personale anche i subentrati Sanabria e Destro. Fronte Spal si registrano solo una blanda protesta per un contrasto in area tra Biraschi e D'Alessandro e un cross di Cionek bloccato da Perin. Che solo per questo motivo non lascia Marassi con i guanti completamente immacolati: il segnale più evidente di una Spal che appare ormai drammaticamente rassegnata al peggio.

IL TABELLINO
Genoa-Spal 2-0

Genoa (4-3-1-2): Perin sv; Biraschi 6,5, Goldaniga 6, Zapata 6, Masiello 6,5; Cassata 7 (15' st Barreca 6), Schone 7,5, Behrami 6 (29' st Lerager 6); Iago Falque 5; Pandev 7,5 (29' st Sanabria 6,5), Pinamonti 7 (45' st Destro sv). A disp.: Ichazo, Marchetti, Romero, Ankersen, Ghiglione, Jagiello, Rovella, Soumaoro, Favilli. All.: Nicola 7.
Spal (4-3-1-2): Letica 7; Cionek 6,5, Vicari 5,5, Bonifazi 5, Reca 5; Dabo 5,5 (25' st Sala 6), Tunjov 6 (13' st Valdifiori 5,5), Missiroli 5,5; Strefezza 6 (13' st D'Alessandro 6); Floccari 5 (25' st Cerri 5,5), Petagna 5. A disp.: Meneghetti, Ngagne, Salamon, Tomovic, Felipe, Di Francesco, Murgia, Castro. All.: Di Biagio 5.
Arbitro: Guida
Marcatori: 24' Pandev (G), 9' st Schone
Ammoniti: Behrami (G), Floccari, Cerri (S)
Espulsi: -
Note: al 37' Letica (S) para rigore a Iago Falque (G)

LE STATISTICHE
Il Genoa non vinceva in casa in Serie A dallo scorso febbraio (1-0 contro il Cagliari).
Dalla ripresa del campionato a giugno la SPAL ha ottenuto appena un punto in classifica (1N, 5P), meno di ogni altra squadra in Serie A.
La SPAL ha effettuato appena tre tiri in questo incontro (zero in porta), nessuna squadra ha fatto peggio in una singola gara di questo campionato.
Entrambi i gol di Lasse Schöne in questo campionato sono stati segnati su punizione diretta (l'altro contro il Milan lo scorso ottobre).
Era dal 2008/09, con la Lazio, che Goran Pandev non segnava nove gol in una stagione di Serie A.
Sei dei nove gol di Pandev in questo campionato sono arrivati nel corso delle prime frazioni di gioco.
Iago Falque ha servito il suo primo assist in Serie A da marzo 2019 (contro la Fiorentina).
Il Genoa è la squadra che ha sbagliato più rigori in questo campionato, cinque su 15 calciati.
Nessuna squadra ha ricevuto più rigori a favore del Genoa in questa Serie A (15, come la Lazio).
Terzo gol su punizione diretta subito dalla SPAL in questo campionato, nessuna squadra ne ha incassati di più (tre anche per Torino e Genoa).
Georgi Tunjov è il più giovane centrocampista a giocare da titolare un match di questa Serie A (19 anni, 86 giorni) e il primo Under 20 schierato dal primo minuto dalla SPAL in campionato dal ritorno in Serie A nel 2017/18.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments