DOPO 23 GIORNATE

Milan e Napoli hanno il treno per non mollare l'Inter, la Juve ha il mirino sull'Europa: il punto sulla Serie A

Alla ripresa del campionato c'è il derby di Milano e subito dopo l'incrocio tra Inzaghi e Spalletti. L'Atalanta deve "difendere" la Champions, a Genoa e Cagliari servirà l'impresa per salvarsi

  • A
  • A
  • A

Più di metà del percorso è stato fatto: dopo 23 giornate di campionato (anche se alcune squadre devono recuperare un turno) iniziano a delinearsi gli scenari in vista della volata finale. L'Inter, con la vittoria sul Venezia, ha scavato un margine di sicurezza sulle inseguitrici ma Milan e Napoli hanno ancora molte carte (e scontri diretti) da giocare. Juve e Roma non mollano il treno Champions mentre nelle zone basse della classifica solo la situazione della Salernitana è disperata. 

italyphotopress

Lotta scudetto - Partiamo dalla prima in classifica: l'Inter, a quota 53 punti, è arrivata alla sosta ed è uscita dal mese di gennaio non solo indenne ma addirittura rafforzata. Morale altissimo per aver messo in bacheca la Supercoppa ma soprattutto primo posto ben saldo nelle mani di Inzaghi, nonostante un calo di prestazioni e vittorie non semplici portate a casa nelle ultime settimane. I nerazzurri vantano un +4 su Milan e Napoli nonostante il pareggio con l'Atalanta e la gara da recuperare col Bologna. Alla ripresa del campionato sarà subito derby: per l'Inter è l'occasione d'oro per mantenere o aumentare le distanze, per il Milan (raggiunto a 49 punti dal Napoli) è forse una delle ultime chances, come ammesso da Pioli dopo il pareggio con la Juve, di sognare in grande. La speranza di essere meno tartassati dagli infortuni e l'assenza di impegni europei sono aspetti da non sottovalutare che lasciano aperte le speranze rossonere. E la giornata successiva (la 25esima, il 13 febbraio) mette di fronte Napoli e Inter: insomma, se le inseguitrici dei campioni d'Italia in carica vogliono dire la loro, dovranno sfruttare gli scontri diretti alla ripartenza dai blocchi, considerando che a febbraio l'Inter avrà anche l'incrocio di Champions con il Liverpool.

Lotta Champions - L'ultimo pareggio con la Lazio ha allontanato l'Atalanta dalla lotta scudetto: i bergamaschi sono quarti a quota 43: perfettamente a loro agio nella zona Champions ma forse già troppo distanti dal vertice per provare a "disturbare" Inter, Milan e Napoli. Il decimo risultato utile consecutivo ha avvicinato sensibilmente la Juve di Allegri a quel quarto posto che fino a poche settimane fa sembrava un miraggio: i bianconeri sono a -1 dall'Atalanta che sfideranno il 13 febbraio (dopo aver incrociato il Verona). Dando per scontato, a questo punto, che il Tricolore sia affare delle milanesi e di Spalletti, si può altrettanto affermare che l'ultimo posto utile per l'Europa nobile sia una questione proprio tra Gasperini e Allegri. 

Lotta per l'Europa - Più staccata infatti è la Roma: il successo sull'Empoli ha permesso a Mourinho di risalire in classifica e posizionarsi a sesto posto, dietro ai bianconeri, a quota 38 punti, ultima piazza utile per un posizionamento europeo. I giallorossi devono guardarsi dalla Fiorentina (che rischia seriamente di perdere i gol di Vlahovic) e dalla Lazio di Sarri: entrambe distano due punti ed entrambe sono state protagoniste di un campionato fin qui di alti e bassi.

Lotta salvezza - Nella parte bassa della classifica solo la situazione della Salernitana sembra disperata: i campani sono ultimi con 10 punti e per rimanere in Serie A avrebbero bisogno di un autentico miracolo sportivo nel girone di ritorno. Non se la passa troppo bene neanche il Genoa che con i suoi cambi in panchina staziona a quota 13, a 4 punti di distanza dal Cagliari, terz'ultimo. Non possono stare tranquille Venezia (a quota 18) e Samp (a 20) mentre Udinese a 24 e Spezia a 25 pur non potendo cantare vittoria sanno di aver bisogno di punti tranquillità per non essere risucchiate nel pantano.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti