QUI INTER

Inter, Inzaghi: "Noi favoriti? Lo dicono ora, ma per quel che stiamo facendo è normale"

Il tecnico nerazzurro non si nasconde: "Non era facile ripartire così: i ragazzi sono stati tutti bravissimi"

  • A
  • A
  • A

"Ho la fortuna di avere giocatori validi, tutti i ragazzi, dal primo all'ultimo. Ora non ci si deve fermare, le nostre avversarie hanno vinto tutte. Dopo Bologna affrontavamo una squadra che ha giocato tre giorni prima mentre noi eravamo fermi dal 22 dicembre. Ma i ragazzi sono stati bravissimi, ho fatto loro i complimenti" ha proseguito Inzaghi. "Mi inorgoglisce la partecipazione di tutti. Vidal è stato tra i migliori in campo col Torino, Gagliardini tra i migliori oggi. Per me vedere gente che non ha avuto molto spazio giocare così è un orgoglio, una grande dimostrazione". Un'Inter che corre veloce e che gli avversari - un po' malignamente - indicano come l'assoluta favorita. Inzaghi non si nasconde: "Il 20 ottobre lo sentivo dire molto meno, ora si sente dire più facilmente e il merito è dei ragazzi che hanno vinto otto partite di fila. Prima non sentivo che potevamo buttare via solo noi il campionato, ora non è così.  Ma è normale per quel che stiamo facendo e per noi deve essere uno stimolo per migliorarci sempre".

La Lazio era stata la sola squadra capace di battere l'Inter in campionato nel girone d'andata. La Lazio era la prima contro cui ripartire in quello di ritorno dopo la sosta natalizia, complice il rinvio del match contro il Bologna, con il Milan che nel frattempo aveva fatto il suo prendendosi sei punti e mettendo provvisoriamente la test avanti. Insomma, ce ne erano tanti motivi per avvertire la pressione, non bastasse il passato da ex che sempre inevitabilmente pesa. Sarà anche per questo che al fischio finale, con la vittoria in tasca, Simone Inzaghi è schizzato negli spogliatoi: un modo per stemperare la tensione, festeggiare probabilmente, senza mancare di rispetto al proprio passato: "Per me giocare contro la Lazio non può essere come contro le altre. Volevamo ripartire bene - ha raccontato il tecnico nerazzurro - con lo svantaggio di iniziare il girone di ritorno dopo gli altri (l'Inter non ha giocato contro il Bologna, ndr). Una vittoria giusta, meritata, contro una squadra forte, sempre in partita".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti