IL CASO

Cutrone a Cragno: "Balbuziente di m...". Poi le scuse e tutto chiarito

I due si sono sentiti telefonicamente e il portiere ha minimizzato l'accaduto dopo le offese dell'attaccante

  • A
  • A
  • A
© Getty Images

Mentre sui social continua a far discutere il video di Patrick Cutrone che in panchina definisce Alessio Cragno "balbuziente di m...", dai diretti interessati arrivano segnali distensivi sull'accaduto. Subito dopo la partita, l'attaccante dell'Empoli ha infatti contattato telefonicamente il portiere del Cagliari per chiarire la sua frase infelice e la questione è stata rapidamente risolta. L'estremo difensore ha minimizzato l'accaduto e accettato le scuse del collega, letteralmente investito intanto da una vera e propria bufera social. 

Da tempo nel giro nella Nazionale, prima titolare nell'Under 21 e poi terzo portiere in quella maggiore, Cragno non ha mai nascosto di essere leggermente balbuziente. Anzi. Anche per incoraggiare chi ha il suo stesso disturbo, quando è il suo turno, si presenta senza problemi in sala stampa e nelle interviste post gara. Atteggiamento maturo e intelligente che ha mostrato anche ieri nel dopo gara e nella gestione del "caso Cutrone". 

Cose da campo che devono rimanere sul campo, questo in buona sostanza il messaggio fatto trapelare dal portiere. Uno che si comporta così da sempre: anche dopo la pedata in faccia di Ronaldo in un Cagliari-Juventus di una stagione fa, era rimasto in campo. Ferito al volto, ma era voluto restare tra i pali. E nei giorni successivi - nonostante i fermo immagine molto chiari sull'intervento, involontario, di CR7 - non aveva minimamente accusato l'attaccante portoghese. Eppure sarebbe stato facile passare per vittima. Come ieri con Cutrone. 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti