Disastro Mbakogu, Carpi quasi in B

Il nigeriano sbaglia due rigori e segna nel finale, in mezzo le reti di Bisevac, Candreva e Klose. Castori con un piede in B

di
  • A
  • A
  • A

Il Carpi perde in casa con la Lazio e vede vicino lo spettro della retrocessione. Protagonista in negativoMbakogu che al 12' e al 40' del primo tempo si fa parare due rigori da Marchetti. La Lazio ne approfitta: apre Bisevac al 23', poi è il turno di Candreva, tris di Klose al 28' della ripresa. Proprio Mbakogu accorcia nel finale: finisce 1-3. Espulsi Biglia e Djordjevic. Carpi scavalcato dal Palermo in classifica.

Pomeriggio ai confini del dramma allo stadio Braglia, in una partita che racconta di tutto: gol, espulsioni, rigori (parati), fischi e contestazioni (da e verso il pubblico). Uno spettacolo per gli osservatori esterni, meno per chi soffre e suda per rimanere in serie A dopo averla conquistata per la prima volta nella storia. La delusione del Carpi è quella di Jerry Mbakogu, che sbaglia due rigori di fila (come Maccarone in Torino-Siena del 2007) e rimanda i modenesi al terzultimo posto. La Lazio conferma la cura-Inzaghi, alla quarta vittoria su sei partite da tecnico della prima squadra, e vince, pur non incantando, grazie alla superiorità tecnica del trio offensivo. Per l'Europa è troppo tardi ma Lotito apprezzerà il lavoro del giovane tecnico.

Il Carpi parte volenteroso, le armi sono le solite: grinta, palleggio basso e improvvisi lanci verso Mbakogu che cerca di allungare la squadra. Il primo brivido al settimo minuto, quando il tiro di Candreva al volo viene respinto dal braccio di Gagliolo. Rocchi opta per lasciar correre, come al 12' sul contatto Hoedet-Mbakogu ma il giudice di porta Pinzani informa il fischietto che è rigore. Le proteste della Lazio cadono non appena Marchetti respinge il tiro dal dischetto del nigeriano. L'errore ridà smalto ai biancocelesti, clamorosa la combo traversa-palo di Lulic, ancor di più i due salvataggi sulla linea di Bianco sui tiri di Parolo, ci pensa comunque Bisevac a fare 1-0. Poi è la volta di Candreva, ben servito da Felipe Anderson. I padroni di casa hanno l'occasione di riaprire il match ma Mbakogu spreca ancora dal dischetto (fallo di mano di Mauricio): questa volta l'errore è ancora più grossolano, visto che Marchetti non ha difficoltà a bloccare il tiro centrale.

Nonostante i fischi del pubblico, Castori insiste su Mbakogu (anche perché è l'unico attaccante con un po' di fisicità) e gli affianca Lasagna che prende la traversa dopo appena due minuti: è un'altra conferma della giornata storta. Al 13' il Braglia si rivolta contro l'ennesimo errore di Mbakogu che risponde, dito alla bocca, "ma cosa volete? state muti". La partita sembra definitvamente compromessa, anche per queso arriva il tris di Klose lasciato colpevolmente solo in area. Il merito dei padroni di casa è quello di non mollare mai, tanto che a sei minuti dalla fine proprio il nigeriano accorcia il risultato: serve a poco, se non al suo orgoglio. La Lazio chiude in nove per il doppio giallo a Biglia e il rosso diretto a Djordjevic che prende al collo Letizia.

Vincere contro l'Udinese (già salva) sperando che il Palermo non prenda i tre punti con il Verona: questa la combinazione che consentirebbe a Castori di completare il miracolo. Probabilità e incastri a parte, sarà dura. Un po' perché anche il pubblico sembra crederci meno, un po' perché a Udine mancheranno quattro giocatori (diffidati e ammoniti): Lollo, Poli, Romagnoli e Letizia.

MBAKOGU 4 Bomber non lo è mai stato (2 gol in serie A quest'anno) ma due errori così sono imperdonabili. Soprattutto il secondo: se decide di tornare sul dischetto, non puoi tirare un rigore così. E litiga pure con il pubblico
LASAGNA 6,5 Entra e dà un certo brio all'attacco. Nelle sconfitte gli assenti hanno sempre ragione, certo in un match-salvezza come questo forse meritava la titolarità
MARCHETTI 8 I rigori sono la ciliegina sulla torta, ma anche nelle altre occasioni è sempre attento. Una prestazione da convocazione europea, vero Conte?
CANDREVA 7 Con il gol al Carpi arriva a quota 10: terza stagione di fila a doppia cifra come marcatura. Se partirà, lascerà un grande vuoto sulla fascia
KLOSE 6 Sesto gol nelle ultime sei partite, grande feeling con Inzaghi. Che tutto questo serva a fargli cambiare idea sul rinnovo di contratto?

CARPI-LAZIO 1-3
Carpi (4-4-1-1): Belec 5,5; Letizia 5, S. Romagnoli 5, Poli 5, Gagliolo 5,5; Pasciuti 5,5 (31' st Verdi 6), Bianco 6 (21' st Crimi 6 ), Cofie 5 (1' st Lasagna 6,5), Di Gaudio 5,5; Lollo 5; Mbakogu 4. A disp.: Colombi, Daprelà, Zaccardo, Porcari, Suagher, Martinho, De Guzman, Sabelli, Mancosu. All.: Castori 5,5
Lazio (4-3-3): Marchetti 8; Basta 6, Bisevac 6,5, Hoedt 5,5 (16' Mauricio 5,5), Konko 6; Parolo 6, Biglia 5,5, Lulic 6,5; Candreva 7 (23' st Djordjevic 4,5), Klose 6, F. Anderson 5,5 (5' st Onazi 6). A disp.: Guerrieri, Matosevic, Patric, Milinkovic-Savic, Cataldi, Mauri. All.: S. Inzaghi 6
Arbitro: Rocchi
Marcatori: 23' Bisevac, 32' Candreva, 28' st Klose, 39' st Mbakogu
Ammoniti: Poli, Pasciuti, Romagnoli, Lollo, Letizia (C), Parolo, Mauricio (L)
Espulsi: al 38' st Biglia per somma di ammonizioni, 45' st Djordjevic per comportamento violento
Note: al 12' e al 40' Marchetti para un rigore a Mbakogu