Football Leaks, le clausole più folli dei contratti

Dai 57 dollari al minuto di Lavezzi al divieto di indossare scarpe rosse di Van der Vaart

foto lapresse

L'inchiesta internazionale denominata "Football Leaks" è destinata a scuotere con violenza il mondo del calcio. Nei documenti analizzati dall'EIC (European Investigative Collaborations) non ci sono affari riservati e pagamenti occulti, ma anche delle condizioni piuttosto particolari previste negli ingaggi dei calciatori: da Balotelli pagato per non sputare al divieto di scarpe rosse di Van der Vaart. Poi Aguero, Lavezzi e tanti altri.

Partiamo dalle vecchie conoscenze del calcio italiano: Thiago Silva, Lavezzi, Balotelli e Nastasic hanno - o hanno avuto - tutti una clausola particolare negli accordi coi rispettivi club di appartenenza.

Thiago Silva (Psg)
Il brasiliano del Psg percepisce uno stipendio da 8 milioni di euro all'anno a cui vanno aggiunti bonus e benefit vari. Nell'accordo però il Psg si è impegnato a pagare al brasiliano anche i 2,5 milioni di euro in tasse che il giocatore deve versare in Italia. Inoltre la società gli compensa le perdite che ha con la Nike per aver scelto il Psg dopo il Milan. Il marchio americano, infatti, paga i giocatori in base al livello della squadra. Nel 2012 un giocare nel Milan valeva più che farlo a Parigi.

Mario Balotelli (Nizza)
Ai tempi del Liverpool, per SuperMario era previste clausole comportamentali speciali. I Reds avevano previsto un bonus da 1 milione di sterline in caso di buon comportamento: non essere espulso più di tre volte per comportamenti violenti, non sputare a un avversario o qualsiasi altra persona, non usare linguaggio o gesti offensivi. A tutto questo andava aggiunto un bonus di 150mila sterline ogni cinque partite giocate, 5mila ogni gol segnato e mezzo milione di sterline col titolo di capocannoniere.

Ezequiel Lavezzi (Hebei Fortune)
Al momento dell'addio al Psg per abbracciare il campionato cinese, tutti hanno ricondotto ai guadagni folli la scelta del Pocho. I numeri ufficiali raccontano di uno stipendio da 56,7 milioni di dollari per 23 mesi. Tradotto sono 2,4 milioni al mese, 3500 circa all'ora. Inoltre percepisce due case completamente ammobiliate, due auto, un cuoco e un autista.

Matija Nastasic (Schalke 04)
L'ex difensore della Fiorentina ha l'obbligo di indossare solo scarpe adidas. Per utilizzare altre scarpe da calcio, secondo il contratto firmato nel 2015, il serbo deve dimostrare di non poter indosse adidas per ragioni mediche.

Football Leaks, le clausole più folli dei contratti

Tra i tanti casi citati nell'inchiesta, c'è anche l'attuale difensore della Roma - in prestito dal Barcellona - Thomas Vermaelen che per un anno si è preso una pausa dalle lezioni di catalano.

Thomas Vermaelen (Roma)
Il belga è di proprietà del Barcellona e nel contratto firmato con la società blaugrana, si è impegnato a "fare ogni possibile sforzo per integrarsi nella società catalana, fare propri i valori della stessa e impegnarsi ad imparare la lingua catalana". La cosa più strana però riguarda il campo: c'è un bonus di 100mila euro affinché l'allenatore possa farlo giocare nella posizione che può favorire maggiormente la squadra, inserirlo o meno nell'undici titolare e usarlo o meno in ogni altra attività sportiva.

Tra i tanti nomi noti tirati in ballo, infine, spuntano anche le clausole particolari di Agger, Neymar, Aguero, Firmino, Van der Vaart, Courtois e Lloris.

Daniel Agger (ex Liverpool e Broendby)
Nel contratto col Broendby del difensore danese c'è una clausola speciale. Ogni volta che il Broendby gioca in casa deve essere esposto un cartellone pubblicitario della Kloagger, società creata l'anno prima dal giocatore col fratello e un amico che si occupa di gestire le acque reflue a Hvidovre.

Neymar (Barcellona), Cristiano Ronaldo (Real), Xavi (Al Rayyan)
Il brasiliano ha firmato un accordo con Panini, il produttore italiano di figurine, attraverso la Panini America in Texas. Per accordi, Neymar riceve 83,3 dollari a figurina col suo volto autografata (50mila dollari ogni 600 figurine). Stessa cifra per Cristiano Ronaldo, mentre a Xavi sono andati 40mila dollari.

Sergio Aguero (Manchester City)
Ogni gol - e sono tanti - segnato con la maglia dei Citizens, a guadagnarci è l'Atletico Madrid. Secondo l'accordo siglato nel 2011, per ogni cinque gol siglati da Aguero ai Colchoneros spettano 250mila euro.

Roberto Firmino (Liverpool)
Il brasiliano del Liverpool ha firmato il contratto nel 2015 con una clausola rescissoria di 98 milioni di euro, con un'eccezione. E' valida solo se il club interessato a esercitarla non è l'Arsenal.

Rafael Van der Vaart (Midtjylland)
Il centrocampista olandese gioca in Danimarca, ma la scorsa stagione vestiva la maglia del Betis Siviglia. Nel contratto con gli spagnoli per lui c'era il divieto assoluto di indossare scarpe da calcio rosse, probabilmente perché è il colore del Siviglia. 

Thibaut Courtois (Chelsea)
La sua storia era balzata all'onore delle cronache ai tempi dell'Atletico Madrid. In prestito dal Chelsea, il belga per giocare contro i Blues avrebbe dovuto chiedere all'Atletico di pagare la società inglese. 500mila euro per una gara nel girone, 2 milioni per un quarto di finale, 3 milioni per la semifinale, 4 milioni per la finale. Lo scontro in semifinale c'è stato nel 2014, ma la Uefa soccorse l'Atletico annullando la clausola.

Hugo Lloris (Tottenham)
Il portiere francese degli Spurs è uno dei pochi a ricevere un bonus partita anche in caso di pareggio o sconfitta. Circa 3500 sterline

TAGS:
Football leaks
Balotelli
Lavezzi
Clausole
Contratti

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X