Foggia, la festa promozione e il barbecue della discordia

I calciatori rossoneri hanno celebrato la promozione sul prato dello Zaccheria in modo insolito. E in città è polemica

Foggia, la festa promozione e il barbecue della discordia

Richiesta formale di utilizzo dello stadio 'Zaccheria' di Foggia per effettuare un pic-nic il prossimo 1 Maggio: la richiesta è stata inoltrata al primo cittadino di Foggia, Franco Landella, dal consigliere comunale di minoranza Vincenzo Rizzi. L'insolita richiesta fa seguito al clamore sollevato dal momento conviviale organizzato dai calciatori del Foggia i quali, per festeggiare la promozione in serie B, hanno utilizzato il manto erboso per allestire una lunga tavolata, alla quale hanno preso parte anche staff tecnico e dirigenza. Non contenti di quanto già compiuto, i 'Satanelli' si sono spinti oltre, allestendo un vero e proprio barbecue nel rettangolo di gioco e postando foto social dei momenti salienti del pranzo.

In pochi istanti si è sollevata la polemica per l'utilizzo di un bene comune. Lo Zaccheria, infatti, è di proprietà del Comune di Foggia per il quale la società non avrebbe ancora firmato la convenzione. Di qui la richiesta formale del consigliere comunale di poter usufruire, nel giorno della festa dei lavoratori, dello stadio per poter 'banchettare' allegramente. "Gentile sindaco - scrive Rizzi -, visto l'utilizzo fatto dello stadio, Le chiedo di autorizzare gratuitamente per il 1 maggio l'utilizzo dello stesso per un pic nic tra amici".

TAGS:
Calcio

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X