Calcio ora per ora

CAGLIARI, DI FRANCESCO: “LA VITTORIA LA MEDICINA MIGLIORE”

La vittoria è importante anche per la testa dei ragazzi: è la medicina

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

La vittoria è importante anche per la testa dei ragazzi: è la medicina migliore per fare sempre meglio". Parola di Eusebio Di Francesco alla vigilia della gara con il Napoli, domani alla Sardegna Arena. Il riferimento è al fatto che il successo in casa rossoblù manca ormai da quasi due mesi. "Contro le grandi squadre - ha continuato - ha avuto dei momenti di dominio, almeno in alcuni spezzoni: vorrei dai miei ragazzi che partissero sul piede nell'acceleratore. Serve continuità proprio nei momenti in cui ci sembra anche di avere la partita in mano: con Inter e Roma abbiamo pagato caro proprio in questa situazione". Attenzione al Napoli: "È forte, punta ai primi posti - ha detto Di Francesco - prende poche reti e davanti può inventare il gol da un momento all'altro. È aggressivo, vuole fare la partita come dimostrano i dati sul possesso palla. Ma noi dobbiamo puntare sulle nostre armi migliori, giocando sulla verticalità. La squadra ha una gran voglia di fare bene. E gli ultimi allenamenti sono stati ottimi". Molte assenze: out Rog, Godin, Faragò e nell'ultimo allenamento si è fatto male anche Ounas. Il tecnico sembra pronto a schierare Nandez in mediana accanto a Marin. Anche se le decisioni definitive saranno prese domani. Non si esclude che il Cagliari possa partire con Pavoletti davanti e Simeone nella linea dei tre dietro la prima punta: finora livornese e argentino non sono mai partiti insieme. E potrebbe essere questa la mossa più o meno a sorpresa contro il Napoli. "Non importano gli schemi - ha concluso il tecnico - ma atteggiamento e condizione. Dispiace per Rog: stava facendo passi da gigante in quel ruolo".