SCI

Sci, Coppa del Mondo: Mayer batte Pinturault nella combinata di Wengen, Tonetti quinto  

L'austriaco fa il miglior tempo in discesa e nello slalom si difende per sette centesimi dall'assalto del francese. Terzo Muffat-Jeandet, Paris 12esimo

  • A
  • A
  • A

Matthias Mayer conquista la combinata alpina di Wengen (Svizzera), valida per la Coppa del Mondo di sci alpino. L'austriaco, che aveva già ottenuto il miglior tempo in discesa, si difende in slalom dall'assalto di Alexis Pinturault, nuovo leader della generale, che però chiude a sette centesimi di ritardo. Terzo Victor Muffat-Jeandet (+0.67), quinto Riccardo Tonetti, che paga qualche errore in slalom, 12esimo Dominik Paris.

Nonostante dopo la discesa del mattino avesse almeno mezzo secondo su tutta la concorrenza e un secondo sugli slalomisti Matthias Mayer non godeva di grande credito all'inizio della prova tra i pali stretti. La sensazione sulla leggendaria Lauberhorn era che potesse perdere tutto. Invece l'austriaco si difende alla grande, con il quarto tempo di slalom. Approfitta di una pista pulita, partendo per primo e dando distacchi siderali agli altri discesisti, Dominik Paris compreso. L'azzurro, non perfetto in discesa (quarto) scivola al 12esimo posto finale (+2.03) e conferma il tabù-Wengen, dove non è mai salito nemmeno sul podio. Mayer rischia solo quando scende Alexis Pinturault: il francese compie una prova fenomenale dal muro in giù ma si ferma a sette centesimi di ritardo, pagando una pista che presenta qualche scalfittura e il troppo ritardo accumulato in discesa (+1.68). Per lui 80 punti che gli valgono il primato in classifica generale di Coppa del Mondo (+2 su Henrik Kristoffersen).

Terzo un altro francese, Victor Muffat-Jeandet, a +0.67 dal leader. Quarto lo svizzero Loic Meillard (+1.02) davanti a un Riccardo Tonetti che ha gettato via il podio con un grave errore all'ingresso del muro. Paradossalmente, l'azzurro scia meglio in discesa che nella sua specialità, e si deve accontentare dell'ennesimo piazzamento. Chiudono la top 10 Martin Cater, Kjetil Jansrud, Aleksander Aamodt Kilde, Niels Hintermann e Vincent Kriechmayr. Per quanto riguarda gli altri azzurri, 29esimo Alexander Prast (+5.59), 31esimo Florian Schieder (+6.48), ultimo tra gli arrivati Guglielmo Bosca (36esimo, +15.83).

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments