Rugby, Mondiali 2023: l'Italia rinuncia alla candidatura

La Federugby ferma la corsa per organizzare l'evento: "Era strettamente collegata a Roma 2024"

Rugby, Mondiali 2023: l'Italia rinuncia alla candidatura

Dopo il no del Comune di Roma alla candidatura alle Olimpiadi 2024, l'Italia rinuncia alla corsa per organizzare il Mondiale di rugby del 2023. Ad annunciarlo è la Fir, parlando di decisione presa "a seguito delle consultazioni con la presidenza del Consiglio dei Ministri e con il Coni". Alfredo Gavazzi, presidente della Federugby, spiega: "Da sempre strettamente collegata a quella di Roma 2024, la candidatura non ha più le condizioni per proseguire".

Il numero 1 della Fir ha spiegato i motivi della decisione: "Rimaniamo convinti delle grandi potenzialita' della candidatura italiana, che avrebbero portato indubbi benefici e necessarie migliorie negli stadi italiani e siamo consapevoli di perdere una fantastica opportunità per radicare ancor piu' i nostri valori ed il nostro sport nel tessuto sociale italiano. Ma dobbiamo prendere atto di come ad oggi non vi siano le basi per continuare questo percorso. Voglio ringraziare il Presidente del Coni Malagò per aver sostenuto la nostra candidatura sin dai suoi primissimi passi, sappiamo che condivide la nostra delusione per un'opportunità perduta. Ringrazio anche i dieci Comuni che avevano manifestato il proprio interesse ad ospitare gli incontri della Rugby World Cup nei propri stadi".

TAGS:
Altrisport
Rugby
Italia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X