ALL'IDROSCALO

Arrampicata, canoa e baseball per ragazzi con disabilità visiva

Un progetto per avvicinare bambini e ragazzi ciechi o ipovedenti alla pratica sportiva

  • A
  • A
  • A

Martedì 7 settembre l’Idroscalo di Milano si è tinto di sport. Grazie alla collaborazione tra l’Istituzione Idroscalo Milano e Real Eyes Sport è stato possibile cimentarsi con la pratica dell’arrampicata, canoa e baseball, per 22 ragazzi con disabilità visiva. Il progetto nasce dalla mission dell’associazione sportiva presieduta da Daniele Cassioli, pluripremiato non vedente campione di sci nautico, ovvero avvicinare bambini e ragazzi ciechi o ipovedenti alla pratica sportiva.

Quella del 7 settembre è stata l’occasione per ritrovarsi prima dell’inizio della scuola e darsi la carica per la stagione 2021-2022, in cui Real Eyes Sport ha progetti di avviamento alla pratica sportiva su tutto il territorio nazionale. “Se le paralimpiadi da un lato ci hanno restituito un movimento davvero in grande spolvero - racconta Daniele Cassioli, membro di giunta del Comitato Italiano Paralimpico - rimangono ancora molti i ragazzi disabili che nemmeno conoscono il grande potere dello sport.
L’associazione che ho l’onore di presiedere si spende per colmare questo gap e garantire anche a chi non vede un precoce approccio alla pratica motoria".

"Devo dire che sul nostro cammino troviamo spesso persone davvero sensibili, in questo caso mi riferisco al presidente di Istituzione Idroscalo Milano Marco Francioso e al braccio operativo della struttura Paolo Bianchi che ci hanno accolti a braccia aperte mettendoci a disposizione un impianto sportivo straordinario. Su questo piano d’acqua, nel 2013, ho vinto 5 ori ai campionati del mondo di sci nautico, trovarmi qui ora con tutti questi bambini è un’emozione immensa!”.

Per garantire ai ragazzi tre attività nello stesso pomeriggio si sono adoperati lo staff Real Eyes Sport, Idroscalo Club e federazione arrampicata sportiva Lombardia. Un piccolo grande seme che speriamo possa portare sempre più sport nella vita dei ragazzi non vedenti, praticato in strutture belle e accessibili come questa.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments