Sbk, Bautista show anche in Gara 2

Lo spagnolo fa 9 su 9 eguagliando il record di Hodgson, Rea batte Davies per il 2° posto

di
  • A
  • A
  • A

Continua imperterrito il dominio di Alvaro Bautista sul mondiale Superbike. Lo spagnolo ha trionfato anche in Gara 2 ad Aragon, centrando il nono successo consecutivo e regalando alla Ducati la vittoria numero 350 tra le derivate di serie. Alle sue spalle la Kawasaki di Jonathan Rea, che ha battuto l'altra Panigale di Chaz Davies nel duello per il 2° posto. Bautista allunga a + 39 sul campione in carica in vetta al mondiale.

Crollano i rivali sotto i colpi di Alvaro e della sua Panigale, cominciano a vacillare anche i record. Grazie al trionfo in Gara 2 il centauro di Toledo ha eguagliato il record di 9 successi nelle prime 9 gare stagionali, che dal 2003 appartiene a Neil Hodgson. Il record assoluto di vittorie consecutive (11, centrate nel 2018 da Rea) sembra ormai dietro l'angolo. La sua gara è stata l'ennesima sfilata di una stagione fin qui trionfale: partito dalla pole grazie al 1° posto della Superpole Race, si è messo a martellare il suo passo, facendo il vuoto dopo poche curve e tagliando il traguardo con ampio margine sugli inseguitori. Tra una settimana, ad Assen, potrebbe arrivare la tanto chiacchierata riduzione dei giri motore per la Ducati (su ordine della FIM): quanto questo inciderà sulle prestazioni della moto è tutto da vedere, nel frattempo Alvaro continua a dominare.

La battaglia, anche questa volta, è stata tutta alle sue spalle. Jonathan Rea è stato fenomenale nel contenere con il suo talento le difficoltà della Kawasaki, storicamente poco a suo agio sul tracciato del Motorland, ed è riuscito a strappare l'ennesimo 2° posto (il nono consecutivo) a un agguerrito Chaz Davies. Il gallese si è confermato comunque in grande crescita, dopo un avvio opaco, e il terzo gradino del podio può dargli fiducia in vista del prosieguo del mondiale. Unico rimpianto, un leggero lungo nel finale, che di fatto gli è costato la possibilità di regalare alla Ducati la doppietta nel giorno del 350esimo successo tra le derivate di serie.

Ai piedi del podio ha chiuso l'altra Kawasaki ufficiale di Leon Haslam, un po' più in ombra invece le Yamaha: 5° Alex Lowes, 8° Van der Mark, 10° e 11° Cortese e Melandri con le R1 del team GRT. Per il ravennate un weekend da dimenticare dopo i bei piazzamenti dei primi due round stagionali. In top 10 anche Laverty con la Ducati Goeleven (6°), Torres con la Kawasaki di Pedercini (7°) e Rinaldi con la Panigale di Barni (9°).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments