MotoGP, Dovizioso scaccia il complesso d'inferiorità

Da fine collaudatore a cannibale della pista: la trasformazione di Andrea

di LUCA BUDEL

MotoGP, Dovizioso scaccia il complesso d'inferiorità

Ha passato buona parte della carriera con la patente di fenomeno nella messa a punto della moto, di collaudatore sensibile, di pilota dotato di talento ma non abbastanza per arrivare lassù. A 31 anni Andrea Dovizioso sta confermando le prime due tesi e smentendo la terza. La sensazione è che dopo quattro anni alla Ducati sia finalmente riuscito a lavorare per se stesso e non per gli altri, come era accaduto per esempio alla Honda, quando aveva Stoner e Pedrosa come scomodi vicini di casa.

Il Dovi ha avuto tempi e modi per cucirsi addosso la Desmosedici, come se si trattasse di un vestito su misura. Il tutto grazie alla fiducia dell’ingegner Dall’Igna che ha preso in mano il progetto, con la squadra reduce dal disastroso rapporto con Valentino Rossi. Quando Dovizioso si è sentito una cosa sola in sella al suo mezzo ha compreso che il limite si sarebbe potuto spostare un po’ più in là, senza il rischio di finire per terra. Per Andrea il passo successivo è stato quello di prendere le misure alla concorrenza, smaltendo quello che pareva un complesso d’inferiorità, dettato negli più dai limiti tecnici delle moto che non dal talento. Così, finalmente, Dovizioso ha rintracciato lo stato di grazia indispensabile. Oggi Andrea non ha più paura di nessuno, sa reagire con agilità all’aggressività di Marquez, non si pone problemi reverenziali a saltare il totem Rossi. In queste condizioni pensare al titolo mondiale è un progetto assai concreto.

TAGS:
MotoGP
Silverstone
Ducati
Rossi
Dovizioso
Marquez
Honda

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X