VOLLEY SUPERLEGA

Volley, Superlega: Civitanova vince ancora, ma a Ravenna serve il tie-break

Al Pala De André finisce 25-22, 26-24, 18-25, 22-25, 15-11: in questo campionato la capolista non aveva ancora concesso un set a nessuno

  • A
  • A
  • A

Vince ancora ma solo al tie-break, dopo sette successi in cui non aveva concesso nemmeno un set a nessuno. Si conferma però imbattibile la Lube Civitanova, che sbanca il Pala De André e batte una splendida Consar Ravenna capace di riportarsi sul 2-2 dallo 0-2. Finisce 25-22, 26-24, 18-25, 22-25, 15-11 per i marchigiani, che rimangono autorevolmente in testa alla Superlega. Al termine però della partita fin qui più difficile del loro campionato.
 

Vince ancora, per l'ottava volta in otto partite. Ma la vera notizia del giorno è che la Lube Civitanova lascia un punto a Ravenna, il primo della sua stagione. Lo fa dopo essere stato costretto al tie-break da una Consar Ravenna che guidata da un pubblico coinvolto dall'inizio alla fine, dalle sue stelline emergenti e da un autentico astro come Sharone Vernon-Evans riesce a recuperare due set ai vincitori di tutto e a sognare la vittoria fino al tie-break.

La sfida si rivela molto aperta già a partire dal primo set, in cui Civitanova dopo aver subito i primi tre punti dei padroni di casa (a 0) cerca di scappare, ma la Consar non glielo permette: i romagnoli sono particolarmente ispirati al servizio e trovano anche spazi e punti importanti in primo tempo. In particolare i due ventenni Lavia e Cortesia sono fondamentali per la squadra di Bonitta (un coach che, in quel 1999 in cui i suoi due ragazzi venivano al mondo, era campione d'Italia a Bergamo con le ragazze della Foppapedretti). La Lube si aggrappa invece a Ghafour e Kovar in assenza di Juantorena e con un Leal che fatica a entrare nel match. Difficilissimo però abbattere la capolista, che infatti mantiene le distanze e sfrutta il +5 raggiunto sul 22-17 chiudendo il set nonostante il tentativo di Ravenna di rientrare (chiude proprio Leal). Nel secondo set crescono ancora i padroni di casa, capaci di rientrare dal 2-8 e addirittura di sorpassare i rivali sul 17-16 quando Lavia trova l'ace. La partita diventa stupenda, con il pubblico del Pala De André a guidare la squadra che sogna anche il clamoroso sorpasso quando Ghafour pesta la linea regalando ai padroni di casa il punto del 24-24. Civitanova riesce comunque a prendersi il set, ma la partita improvvisamente cambia del tutto.

Nel terzo set infatti esplode definitivamente Vernon-Evans, che inizia a martellare una Lube mai così in difficoltà e che si ritrova anche sul 21-15. Ravenna sulle ali dell'entusiasmo non ha particolari problemi a chiudere sul 25-18 il primo set del campionato strappato ai marchigiani. La Consar continua a volare anche nel quarto set, aperto sul 3-0 prima di portarsi sul 9-4. Ancora una volta è Vernon-Evans il trascinatore dei suoi a suon di ace (saranno sette a fine partita). La Lube però non sta a guardare e ammutolisce il Pala De André riportandosi sull'11-11. Chi crede però che Ravenna stia per cedere alla capolista si sbaglia: i padroni di casa si riprendono e grazie anche a un grande Lavia si prende il tie-break. Poi il quinto set premia la Lube un muro dopo l'altro, ma per Ravenna non ci sono che applausi a fine partita.
 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments