Volley, la trans Tifanny gioca con le donne: polemiche in Brasile

L'allenatore avversario dice "è un uomo" (e poi scusa), l'icona sportiva Ana Paula la critica: l'ex di Golem Palmi ribatte colpo su colpo

  • A
  • A
  • A

Tifanny Abreu, pallavolista trans con un passato alla Golem Palmi, travolta dalle polemiche in Brasile: durante una partita di campionato, l'allenatore avversario ha detto "è un uomo" per poi scusarsi. Ma il danno ormai era fatto, tanto che Ana Paula, icona del volley brasiliano, è partita all'attacco: "C'è chi vuol far credere che certi sentimenti siano più importanti della biologia". La risposta di Tifanny: "Solo un'opportunista".

Tifanny Abreu (che da uomo si chiamava Rodrigo) e oggi fa parte del Sesi Bauru ha sorvolato sull'uscita di Bernardinho, allenatore del Sesc di Rio che si è lasciato sfuggire la frase "è un uomo", anche perché sono arrive successivamente le scuse: "Non volevo offenderla, anzi le faccio i complimenti per la prestazione. Mi riferivo ad un gesto tecnico comune ai giocatori di sesso maschile e che la maggior parte delle pallavoliste non hanno".

Ma la 34enne ha risposto invece molto durante ad Ana Paula Hanker, bronzo olimpico ad Atlanta 1996, che su Twitter aveva scritto: "Una certa minoranza rumorosa vuole sostenere ad ogni costo che certi sentimenti siano più importanti dei fatti e della biologia. Invece la lucidità di certe frasi è dimostrata dalla stessa comunità gay che, in assoluta maggioranza, non concorda con il fatto che uomini biologici competano, vincano e battano record femminili" oltre a scrivere al CIO condannando la presenza di una giocatrice trans in un campionato femminile.

Queste le parole di Tifanny: "Questa ragazza è un'opportunista che cerca nuovamente di farsi pubblicità. Io non ho implorato nessuno per giocare tra le donne, è una legge che esiste per tutti i trans e io sto dentro le regole. Noi donne trans abbiamo cominciato a giocare tra gli uomini e abbiamo imparato movimenti maschili che le donne non hanno appreso. In passato ci sono state partite in cui l'allenatore ha chiesto di non puntare su di me perché ho movimenti maschili. Ma io no voglio crocifiggere nessuno".

Visualizza questo post su Instagram

Hoje era para ser um dia feliz para comunidade LGBTQI! Tifanny esta tendo uma bela segunda temporada de aceitação, onde a grande maioria finalmente entendeu que ela é uma mulher boa jogadora com dias bons e dias ruins como várias outras! Hoje ela e todo time do Bauru jogaram bem, algo que não aconteceu no jogo anterior, e mereceram a vitória classificatória na bola em quadra! Porém foi triste ouvir da boca de um técnico referência mundial, bicampeão olímpico, recordista em prêmios de Superliga que ela era um homem! " Um homem! É foda! " Transfóbicos e homofóbicos não vão passar sem serem apontados na nossa página! Pode ser o papa do vôlei... Vamos desmarcarar todos! Parabéns para o time feminino do Vôlei Bauru, mulheres incríveis que ganharam jogando por merecimento e sem nenhuma vantagem! #angelsvolley #angelsvolleybrazil #volei #voleibol #volley #volleyball #gayvolleyball #volleyballgays #volleygays #superligafeminina #superligadevolei #esporte #sport #sportsgay #sportgay #gaysport #gaysports #copaangels #copaangelsvolley #transfobia #direitostrans #mexeucomumamexeucomtodas #voleifeminino #direitodamulher #contraomachismo #mulheresunidas #convivertransforma #visibilidadetrans #diadavisibilidadetrans

Un post condiviso da Angels Volley Brazil (@angelsvolley) in data:

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments