Volley, Challenge Cup: Monza trionfa con le donne, ko invece per gli uomini

Saugella conquista la terza competizione europea più importante, nulla da fare invece per il Vero Volley

  • A
  • A
  • A

Nella serata della finale di Challenge Cup la città di Monza si divide tra tristezza e gioia. Se da una parte gli uomini allenati da coach Fabio Soli cadono in Russia 3-0 (27-25, 25-19, 25-19) nel ritorno contro il Belgorod, dall'altra le donne di coach Falasca trionfano alla Candy Arena 3-1 (25-20, 17-25, 25-22, 25-15) contro le turche dell'Aydin BBSK. Le brianzole, alle quali sarebbero bastati due set per vincere la Coppa, si portano a casa il primo trofeo europeo.

Bisognava conquistare due set per poter vincere la Challenge Cup, dopo il netto 3-0 dell'andata, ma le ragazze allenate da coach Miguel Angel Falasca vincono anche il ritorno della finale imponendosi per 3-1 (25-20, 17-25, 25-22, 25-15) alla Candy Arena di Monza contro l'Aydin BBSK e si aggiudicano il loro primo alloro europeo, riportando contemporaneamente in Italia un trofeo vinto tante volte dalle squadre di casa nostra (quando ancora si chiamava Coppa CEV) a dieci anni dall'ultimo trionfo targato Jesi. La contesa si risolve al termine del terzo parziale quando Monza si porta sul 2-1 facendo partire definitivamente i festeggiamenti da parte dei 3.500 spettatori presenti nel gremito Palazzetto. Le brianzole dominano il primo set, nel secondo non scendono praticamente mai in campo ma si rifanno prontamente nel terzo dove chiudono rapidamente i conti. A quel punto si gioca soltanto per le statistiche: Falasca inserisce Devetag e Bianchini al posto di Begic e Adams ma la musica non cambia e Monza vince la partita per 3-1. Tenendo in considerazione solo i primi tre set (cioè quelli utili per l'assegnazione della Coppa), spiccano i 15 punti della schiacciatrice Edina Begic (2 muri) e i 10 dell'opposto Serena Ortolani. Da sottolineare i 4 muri della centrale Rachael Adams (9 punti complessivi) affiancata da Laura Melandri (7), Micha Hancock in cabina di regia, Anne Buijs la seconda schiacciatrice (8), Chiara Arcangeli il libero. All'Aydin non basta una super Gaila Gonzalez Lopez da 17 punti. Per Monza è un ottimo trampolino di marcia per buttarsi ora a capofitto nei playoff scudetto.

Sarebbe stata l'apoteosi definitiva, alla conclusione di un percorso entusiasmante coinciso con la sua prima apparizione in una competizione europea. Invece per gli uomini del Vero Monza non c'è stato nulla da fare nella finale di ritorno della Challenge Cup, il terzo trofeo continentale per importanza. A Belgorod (Russia) i padroni di casa si impongono per 3-0 (27-25, 25-19, 25-19), ribaltando così la sconfitta al tie-break subita alla Candy Arena nella gara di andata. L'Italia non riesce così a conservare quella Coppa vinta lo scorso anno da Ravenna e tre stagioni fa da Verona. Il Vero Volley resiste all'onda d'urto dei russi solo nel primo set, terminato ai vantaggi. Gutsalyuk e Poroshin creano subito un solco importante (10-6), i brianzoli ribattono con un ace e un attacco di Plotnytskyi (13-12) e trovano il pareggio grazie a Ghafour (14-14); il martello iraniano regala anche il vantaggio sul 16-15. Inizia un lungo punto a punto ma con il Belgorod che ha in mano il pallino del gioco. Monza annulla due set-point, poi Petric regala una terza chance ai russi e Plotnytskyi sbaglia il diagonale successivo. I padroni di casa premono poi l'acceleratore nel secondo parziale: Perrin, Petric e il muro fanno volare il Belgorod; Monza non è mai in partita e capitola in pochi minuti. Nella terza frazione Buchegger ci prova in avvio (6-5) ma Petric e compagni sono decisamente più forti e chiudono la contesa senza troppi patemi d'animo, dopo appena 84 minuti di gioco. Ora i brianzoli si tufferanno nei playoff scudetto; domenica incroceranno la corazzata Perugia nella gara-1 dei quarti di finale, con il sogno di ribaltare il pronostico della vigilia.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments