Olimpiade Tokyo 2020 ora per ora

calcio, Sudafrica protesta: "discriminati dopo casi Covid"

La nazionale di calcio del Sudafrica che sta prendendo parte al torneo

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

La nazionale di calcio del Sudafrica che sta prendendo parte al torneo dell'Olimpiade di Tokyo non ci sta, fa sapere di sentirsi discriminata e chiede di "essere trattati in modo umano". Tutto nasce dal fatto che, nei giorni scorsi, due giocatori e l'analista tattico sono risultati positivi al Covid e tutto il gruppo e' stato messo in isolamento, anche se le regole gli consentono di continuare ad allenarsi. L'esordio contro il Giappone e' finito con una sconfitta per 1-0, ma non e' di questo che il ct David Notoane si lamenta. "Ci sentiamo continuamente stigmatizzati - dice -, e ho visto gente scappare se noi ci avviciniamo. Lo devo dire, ci sentiamo discriminati, se la gente c'incrocia poi fugge via come se avessimo qualcosa di terribile, e ci sembra che un po' ci manchino di rispetto. Vorremmo essere trattati in modo umano: lo apprezzeremmo molto".