Euro 2016, Portogallo in semifinale: Polonia battuta ai rigori

Quaresma segna il rigore decisivo dopo l'1-1 al 120'. Sbaglia Blaszczykowski

di MAX CRISTINA

Il Portogallo è la prima semifinalista di Euro 2016. Ai lusitani sono serviti i calci di rigore per avere la meglio della Polonia dopo l'1-1 portato fino al 120'. Vantaggio immediato dei polacchi con Lewandowski pareggiato al 33' da un sinistro deviato di Renato Sanches. Cristiano Ronaldo manca un paio di buone occasioni, ma non dal dischetto. Blaszczykowski si fa ipnotizzare, mentre Quaresma sigla il gol decisivo per i lusitani.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

AFP

Foto 2

AFP

Foto 3

AFP

Foto 4

AFP

Foto 5

AFP

Foto 6

AFP

Foto 7

AFP

Foto 8

AFP

Foto 9

AFP

Foto 10

AFP

Foto 11

AFP

Foto 12

AFP

Foto 13

AFP

Foto 14

AFP

Foto 15

AFP

Foto 16

AFP

Foto 17

AFP

Foto 18

AFP

Foto 19

AFP

Foto 20

AFP

Foto 21

AFP

Foto 22

AFP

Foto 23

AFP

Foto 24

AFP

Foto 25

AFP

Foto 26

AFP

Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
Foto 36
Foto 37
Foto 38
Foto 39
Foto 40
Foto 41
Foto 42
Foto 43
Foto 44
Foto 45
Foto 46
Foto 47
Foto 48

LA PARTITA

Chi di rigore ferisce, di rigore perisce. Finisce dal dischetto l'Europeo della Polonia, comunque positivo visti i quarti di finale raggiunti per la prima volta nella storia, mentre prosegue quello stranissimo del Portogallo che, senza il miglior Cristiano Ronaldo ancora una volta più che opaco, si trova tra le prime quattro senza aver vinto una partita nei novanta minuti. A Marsiglia lo scontro in campo è finito 1-1, aperto immediatamente dal primo gol di Lewandowski e pareggiato dalla stella nascente di Renato Sanches alla mezz'ora, poi poco o nulla.

Entrambe le nazionali hanno evidenziato i propri limiti accentuati dall'eccessivo rispetto dell'avversario per provare una giocata fantasiosa in più. Ai soliti venti minuti impressionanti della Polonia che hanno portato al vantaggio con una bella giocata Grosicki-Lewandowski e l'errore di Cedric per il gol più veloce dell'Europeo (1'40''), ha risposto coi suoi tempi e i suoi ritmi il Portogallo che una volta lasciato sfuriare l'avversario ha cominciato a tessere la propria tela di passaggi in orizzontale aspettandolo. Spento il fuoco iniziale del miglior approccio alla partita, alla Polonia è stato regalato il possesso palla, ma del pallino del gioco la nazionale di Nawalka ha potuto farsene poco, priva di qualità e inventiva in mezzo al campo com'è. Ne è uscita una sfida a scacchi, lenta, ma pareggiata dalla giocata del singolo del Portogallo, quel Renato Sanches che a 18 anni e 316 giorni è diventato il più giovane marcatore degli Europei nelle sfide a eliminazione diretta. Il suo sinistro dal limite, deviato da Krychowiak, ha risolto subito i problemi per i lusitani che hanno potuto controllare le operazioni senza soffrire troppo. Ma senza pungere.

Il 4-1-4-1 della ripresa disegnato da Santos del resto ha parlato chiaro con un'unica pecca, la più insospettabile. Cristiano Ronaldo ha fallito l'appuntamento col gol in almeno un paio di occasioni, non semplici, ma nemmeno impossibili per uno come lui. Al 59' CR7 in area manca il pallone e a quattro minuti dalla fine, smarcato da un filtrante dalle retrovie, manca l'impatto col pallone davanti a Fabianski. Nei due tempi supplementari né Polonia né Portogallo, reduci da un altro supplementare, ci provano seriamente e la lotteria del dischetto questa volta premia il Portogallo. Forse meritatamente ai punti, con una certezza: la semifinale senza vincere e senza il miglior Cristiano Ronaldo. Margine per migliorare, dunque, c'è.

LE PAGELLE

Lewandowski 7 - Vince la sfida a distanza con CR7, ma a conti fatti non interessa a nessuno. Si sblocca prima di disputare la solita partita tuttocampo con la nazionale. Uomo ovunque

Sanches 7 - Il primo tempo è di altissimo livello e non solo perché trova il gol del pareggio. Con la sua fisicità dà una grossa mano in mezzo al campo, poi non gli manca la personalità. Dal dischetto pesca l'incrocio.

Cristiano Ronaldo 5 - Logorato da una stagione lunghissima, ok, ma questo non è il vero Ronaldo. Sbaglia tocchi facili, è nervoso e manca l'appuntamento col pallone in troppe occasioni

Glik 7 - Praticamente perfetto per centoventi minuti dove sbaglia, rimediando, solo un anticipo. Anche dal dischetto non sbaglia

Krychowiak 6,5 - Gioca sottoritmo ma solo perché capisce quanto sia inutile alzarlo senza avere idee chiare di gioco. Tiene l'equilibrio della squadra con padronanza

Pepe 7 - Gioca un'ottima partita dal punto di vista tecnico ma soprattutto, udite udite, per concentrazione. Non sbaglia un intervento aereo

IL TABELLINO

POLONIA-PORTOGALLO 4-6 dcr (1-1)
Polonia (4-4-2):
Fabianski 6; Piszczek 6, Glik 7, Pazdan 7, Jedrzejczyk 6; Blaszczykowski 6, Krychowiak 6,5, Maczynski 6 (8' pts Jodlowiec 6), Grosicki 6,5 (36' st Kapustka 5,5); Milik 5,5, Lewandowski 7. A disp.: Szczesny, Boruc, Cionek, Wawrzyniak, Salamon, Linetty, Peszko, Zielinski, Starzynski, Stepinski. Ct.: Nawalka 6,5
Portogallo (4-1-3-2): Rui Patricio 6,5; Cedric 6, Fonte 6,5, Pepe 7, Eliseu 5,5; Adrien Silva 5,5 (28' st Joao Moutinho 6), William Carvalho 6,5 (6' pts Danilo 6), Sanches 7, Joao Mario 6 (35' st Quaresma 6,5); Nani 6, Cristiano Ronaldo 5. A disp.: Lopes, Eduardo, Bruno Alves, Carvalho, Guerreiro, Vierinha, Andre Gomes, Rafa Silva, Eder. Ct.: Santos 6 
Arbitro: Brych
Marcatori: 2' Lewandowski (Pol), 33' Sanches (Por)
Ammoniti: Jedrzejczyk, Glik, Kapustka (Pol); Adrien Silva, William Carvalho (Por)
Espulsi: nessuno

Rigori
POLONIA: Lewandowski gol, Milik gol, Glik gol, Blaszczykowski parato
PORTOGALLO: Ronaldo gol, Sanches gol, Joao Moutinho gol, Nani gol, Quaresma gol

TAGS:
Euro 2016
Quarti di finale
Polonia
Portogallo
Pagelle
Tabellino