Euro 2016, Inghilterra-Galles 2-1: urlo Sturridge al 91esimo

Un gol allo scadere dell'attaccante del Liverpool regala i tre punti agli inglesi, che ipotecano la qualificazione

Sturidge, Afp

L'Inghilterra esulta in extremis con Sturridge e ipoteca la qualificazione agli ottavi di finale di Euro 2016. Nella seconda giornata del Gruppo B gli inglesi vanno sotto nel primo tempo col Galles per una magistrale punizione di Bale, che segna il suo secondo gol europeo e raggiunge Platini e Hassler. Poi nella ripresa Hodgson manda in campo Vardy e Sturridge e proprio i due entrati sono gli autori dei gol decisivi.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

AFP

Foto 2

AFP

Foto 3

AFP

Foto 4

AFP

Foto 5

AFP

Foto 6

AFP

Foto 7

AFP

Foto 8

AFP

Foto 9

AFP

Foto 10

AFP

Foto 11

AFP

Foto 12

AFP

Foto 13

AFP

Foto 14

AFP

Foto 15

AFP

Foto 16

AFP

Foto 17

AFP

Foto 18

AFP

Foto 19

AFP

Foto 20

AFP

Foto 21

AFP

Foto 22

AFP

Foto 23

AFP

Foto 24

AFP

Foto 25

AFP

Foto 26

AFP

Foto 27

AFP

Foto 28

AFP

Foto 29

AFP

Foto 30

AFP

Foto 31

AFP

Foto 32

AFP

Foto 33

AFP

Foto 34

AFP

Foto 35

AFP

Foto 36

AFP

Foto 37

AFP

Foto 38

AFP

Foto 39

AFP

Foto 40

AFP

Foto 41

AFP

Foto 42

AFP

Foto 43

AFP

Foto 44

AFP

Foto 45

AFP

Foto 46

AFP

Foto 47

AFP

Foto 48

AFP

Foto 49
Foto 50
Foto 51
Foto 52
Foto 53
Foto 54
Foto 55
Foto 56
Foto 57
Foto 58
Foto 59
Foto 60

LA PARTITA

Sfuma poco oltre il noventesimo il sogno del Galles di fermare gli inglesi e festeggiare la qualificazione agli ottavi proprio nel derby contro gli odiati cugini. Allo Stadio Félix-Bollaert di Lens, Bale illude la nazionale di Coleman con una gran punizione da oltre 30 metri nel primo tempo, ma nella ripresa le sostituzioni di Hodgson cambiano completamente faccia alla gara e gli inglesi, puniti nella gara d'esordio da un gol a tempo scaduto, questa volta possono esultare e conquistano la testa del girone.

Il ct inglese, un po' a sorpresa, sceglie gli stessi 11 del criticato pareggio con la Russia della prima giornata, con Walker e Rose sugli esterni, Rooney a centrocampo e il tridente Sterling-Kane-Lallana davanti, con l'eroe di Leicester Vardy ancora relegato in panchina. Due cambi invece per Coleman, che in porta sceglie il recuperato Hennessey al posto di Ward e in attacco di fianco a Mister 100 milioni Gareth Bale schiera Robson-Kanu, match winner della gara con la Slovacchia.

L'Inghilterra è costretta a vincere e parte subito schiacciando forte sull'acceleratore con Lallana, che sfonda sulla destra e mette in mezzo un pallone col contagiri per Sterling che calcia altissimo da dentro l'area piccola. Il pericolo sveglia il Galles, partito un po' intimorito, e soprattutto Bale, che con un gran sinistro sporca i guanti gialli di Hart e dà coraggio ai suoi. Dopo le prime emozioni, però, inizia la partita chiusa e nervosa che ci si attendeva, con le squadre molto corte e aggressive, qualche contatto di troppo, l'Inghilterra che prova a fare la partita e i cugini gallesi che tentano invece di far male in ripartenza con Ramsey e Bale, nettamente più veloci di Walker e Rose. Intorno alla mezz'ora grandi proteste inglesi per un tocco di mano in area di Davies, ma il pallone colpisce prima la spalla del numero 4 gallese, quindi giusto non assegnare il rigore. Fino ai minuti finali del primo tempo, la partita è sostanzialmente uno spot per i detrattori dello stile di gioco britannico, con i muscoli ad incidere più della qualità, i falli a spezzare il gioco avversario, tanti errori tecnici e con l'Inghilterra che fa un possesso sterile e crea pericoli solo di testa (con Cahill e Smalling) su palla inattiva sfruttando la netta differenza di centimetri. Poi, a tre minuti dall'intervallo, l'episodio che cambia il match: Gareth Bale calcia un missile su punizione da oltre trenta metri che trova colpevolmente impreparato Hart, per il gallese è il secondo gol del torneo (entrambi su punizione, come lui nella storia solo Hassler e Platini) e gli inglesi tornano negli spogliatoi con l'incubo eliminazione che si materializza all'orizzonte.

La ripresa comincia con Hodgson che lascia in panchina i deludenti Sterling e Kane e lancia nella mischia Sturridge e Vardy per cercare di dare la scossa ai suoi, mentre Coleman conferma i primi 11 con Bale e Ramsey che non danno riferimenti e tengono sempre in allarme la retroguardia avversaria. Il nuovo tridente inglese alza subito il ritmo, Walker è più propositivo sulla sua fascia, Rooney sale di colpi e Vardy, a dieci minuti esatti dal suo esordio in un Europeo, trova il gol del pareggio in mischia sfruttando un errore in rinvio di Taylor e segnando così la sua quarta rete in otto partite con la nazionale. Il gol libera psicologicamente gli inglesi, che iniziano finalmente a macinare calcio e mettono alle corde il Galles: prima Smalling è di nuovo pericoloso di testa, poi Sturridge manca l'impatto al volo col pallone da dentro l'area. Sembrano le premesse per il raddoppio, l'Inghilterra continua a provarci, ma il Galles ritrova l'ordine e l'organizzazione della prima frazione e chiude ogni spazio agli avversari, che non trovano verticalità e sbattono contro il muro celtico. Per cercare una vittoria che sarebbe fondamentale, Hodgson si affida nuovamente alla panchina, da dove si alza il baby Rashford, che diventa così l'inglese più giovane di sempre a giocare la fase finale di un Europeo. Negli ultimi minuti le squadre sono stremate, le occasioni sono poche, e il baby del Manchester United non riesce a incidere come suo solito al debutto. Il finale sembra indirizzato verso un 1-1 che manderebbe in paradiso i gallesi e non dispiacerebbe agli inglesi, ma Sturridge non è d'accordo e con una zampata manda i titoli di coda e la sua nazionale (quasi) agli ottavi. 

LE PAGELLE

Sturridge 7 Entra nella ripresa ed è subito pericoloso, lotta fino alla fine e trova il gol che decide il match e forse il girone.
Vardy 7 Ci mette solo 10 minuti e 3 palloni toccati a trovare il suo primo gol in Europeo, per lui la favola continua.
Rooney 6 Non è facile essere decisivi giocando fuori ruolo e lontano dalla porta, ma è lui l'anima di questa Inghilterra.
Kane 4,5 Per tutto il primo tempo non la vede mai, escono lui e Sterling e l'attacco cambia ritmo. Bocciato.
Hart 5 La punizione di Bale è potente e insidiosa, ma un portiere del suo calibro non può prendere gol da quella distanza
Bale 6,5 Con il secondo gol su punizione in un Europeo entra nella storia della competizione, ma a parte la rete si vede pochino
Ramsey 6,5 E' il leader tecnico della squadra e fa un grande lavoro per fungere da collante tra i reparti.
Taylor 5 Gioca una partita volenterosa e attenta, ma l'errore commesso sul gol di Vardy è imperdonabile e regala coraggio all'Inghilterra.

IL TABELLINO

INGHILTERRA-GALLES 2-1 
Inghilterra (4-3-3): Hart 5; Walker 6,5, Cahill 6, Smaling 6, Rose 5,5; Alli 5,5, Dier 5,5, Rooney 6; Lallana 6 (32' st Rashford sv), Kane 4,5 (1' st Vardy 7), Sterling 4 (1' st Sturridge 7).
A disp. Forster, Heaton, Clyne, Stones, Barkley, Bertrand, Milner, Henderson, Wilshere, Vardy, Sturridge, Rashford All. Hodgson.
Galles (3-5-2): Hennessey 6; Chester 6, A. Williams 6,5, Davies 6,5; Gunter 6, Allen 5,5, Ramsey 6,5, Ledley 5,5 (20' st Edwards 6), N. Taylor 5; Bale 6,5, Robson-Kanu 5,5 (30' st J. Williams 6).
A disp: Williams, Ward, King, G. Williams, Edwards, Richards, Cotterill, Vokes, Collins, J. Williams, Vaughan, Church All. Coleman.
Arbitro: Brych (Ger)
Marcatori: 42' pt Bale (G), 10' st Vardy (I), 46' st Sturridge (I)
Ammoniti: Davies (G)
Espulsi:

TAGS:
Euro 2016
Galles
Inghilterra
Seconda giornata