Italia, Kean più Balo si può. L'idea di Mancini non solo a parole

"Possono giocare insieme" ha detto il ct azzurro dopo la vittoria contro la Finlandia. E studia il ritorno di SuperMario, a certe condizioni...

  • A
  • A
  • A

"Kean e Balotelli possono giocare insieme". L'affermazione di Roberto Mancini arriva dopo la grande serata di Udine dell'attaccante della Juve classe 2000. Kean è l'uomo copertina della nuova Nazionale del ct, che però non ha mai dimenticato il suo figliol prodigo, escluso dai convocati per i primi due impegni di qualificazione a Euro 2020 contro Finlandia e Liechtenstein. Vuole recuperarlo e metterlo accanto a Kean nell'attacco azzurro.

A Marsiglia Balotelli ha ritrovato i gol e l'entusiasmo del primo periodo con il Nizza. Ma non basta. Mancini vuole vedere in SuperMario anche un cambiamento nella testa e negli atteggiamenti. "Li trovo tutti io, è il mio destino...", ha detto sorridendo il ct azzurro dopo la vittoria sulla Finlandia rispondendo alla domanda se Kean fosse il nuovo Balotelli. E con la sua risposta Mancini ha lasciato intendere che nella sua Nazionale c'è ancora e sempre spazio per SuperMario, proprio accanto all'astro nascente del calcio azzurro: un peccato buttare al vento un talento così. Anzi, perché non vederli uno accanto all'altro? "Se il mister pensa che sia possibile, allora io dico che è vero - ha detto Kean, felice all'idea di giocare insieme all'amico che l'ha aiutato nei momenti difficili, dicendogli dove ha sbagliato lui e dandogli consigli - Potremmo fare grandi cose insieme". "Balo e Kean possono fare grandi cose": Mancini guarda oltre. Kean più Balo si può.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments