MotoGP San Marino, Marquez su Rossi: "Penso al campionato, al contrario di altri..."

La risposta di Valentino: "Lui è andato lungo per primo e poi mi ha chiuso rovinando il giro a entrambi"

  • A
  • A
  • A

Marc Marquez non si fa troppi problemi ad accusare Valentino Rossi per il malinteso costato a entrambi l'ultimo tentativo di giro lanciato in qualifica: "Io sono partito dal box per andare da solo, anche se tutti mi accusano sempre di seguire gli altri piloti - ha esordito lo spagnolo della Honda - A un certo punto mi sono trovato Valentino davanti, abbiamo fatto il giro di lancio vicini e poi abbiamo cominciato a spingere. Io l'ho sorpassato perché andavo più forte, sono andato leggermente lurgo al curvone, ma non ero sicuro di essere uscito dai limiti della pista. A una delle curve dopo lui è arrivato con troppa velocità, non la poteva chiudere, mi ha infilato e io ho pensato solo a non andargli addosso per evitare di cadere. Se sono arrabbiato? No, non era la mia lotta. Io ho un campionato a cui pensare, al contrario di qualcun altro...Ho alzato la mano non certo per chiedergli scusa, ma per chiedergli cosa fosse successo. Una manovra così in qualifica è piuttosto strana".

Di tutt'altra opinione, naturalmente, Valentino Rossi: "Il primo tentativo era andato bene - ha spiegato il Dottore - nel secondo ho trovato un po' di traffico di piloti che giravano lenti, quando ero vicino a Marc però stavo spingendo al 100%. Lui è andato per sorpassarmi al curvone ed è finito sul verde, poi è rientrato chiudendomi rovinando il giro a entrambi. Io poi l'ho sorpassato di nuovo, non mi ero accorto di essere andato lungo anch'io. A parte questo episodio comunque la mia speranza era quella di partire più avanti, perché il mio passo è buono".

I due sono stati chiamati dai commissari per chiarire la dinamica dell'episodio, che probabilmente verrà archiviato con un richiamo per entrambi: "Sarà un faccia a faccia divertente", ha commentato ironicamente Rossi.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments