Mercato

"Non inventiamoci storie che io abbia rifiutato, perché non potrei mai rifiutare la Fiorentina". Lo ha affermato Cesare Prandelli, ex allenatore viola ed ex ct della Nazionale, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano se nel dicembre scorso fosse stato vicino a sostituire Vincenzo Montella sulla panchina gigliata. "No assolutamente, zero, nessun tipo di contatto", ha aggiunto, a margine della presentazione della scuola calcio di Vaglia (Firenze) intitolata a Emiliano Mondonico. "Ho grande stima ed ammirazione nei confronti di Iachini - ha spiegato - una persona di grandissima umiltà, di grandissimo carattere, però avevo anche una buona considerazione di Montella: se era un anno di transizione forse magari un'occasione in più a Vincenzo sarebbe stato giusto concederla". Vittorie come quella di ieri contro la Spal "portano sicuramente più tranquillità e più consapevolezza", ha osservato Prandelli, sottolineando che quella con l'Atalanta in Coppa Italia "sarà una partita difficile, ma magari Iachini avrà la possibilità di vedere altri giocatori. Quando arrivi non hai molto tempo e probabilmente ci saranno delle sorprese. Tante volte giocatori che non erano stati chiamati prima possono dare qualcosa in piu'".

Tempo reale
  • A
  • A
  • A