Juve, riecco l'occasione Mkhitaryan

Cavani indeciso sul suo futuro a Parigi, Llorente si offre per un ritorno

  • A
  • A
  • A

Dani Alves, Mascherano, Berardi. Non sono solo questi i nomi su cui la Juve sta lavorando per la prossima stagione. Le strade intraprese da Marotta e Paratici sono molteplici, ma tutte portano a nomi di peso. Come quello Henrikh Mkhitaryan, seguito da tempo, ma oggi più che mai vicino a lasciare il Borussia Dortmund. Il suo agente, Mino Raiola, ha preso tempo parlando del rinnovo del trequartista armeno e così a Torino hanno drizzato le antenne.

Il giocatore andrà in scadenza nel 2017 e a Dortmund potrebbero essere disposti a cederlo subito per una cifra attorno ai 20 milioni di euro piuttosto che rischiare di perderlo a zero tra dodici mesi. Mkhitaryan, 27 anni, sarebbe l'uomo giusto per dare ad Allegri la possibilità di mettere in campo il 4-3-1-2 che la scorsa stagione aveva dovuto abbandonare per mancanza di interpreti. Detto che per Dani Alves sembra ormai fatta e che per Mascherano bisogna ancora convincere il Barcellona con un'offerta "giusta", come pure per André Gomes con il Valencia, la Juve deve anche pensare all'attacco. Perché se il rischio di perdere Morata è decisamente alto, anche quello di dover lasciar partire Zaza non è da sottovalutare, visto il desiderio dell'ex Sassuolo di voler essere considerato un titolare.

Per questo, non è un mistero, in cima alla lista dei bomber più graditi c'è sempre Edinson Cavani. Il Matador è impegnato con il suo Uruguay, ma con la testa è a Parigi. Il Psg lo vuole trattenere, forte di un contratto che scadrà solo nel 2018, ma il Matador, nonostante l'addio di Ibra, non è convinto di voler rimanere dopo la stagione vissuta all'ombra dello svedese. Certo, costa parecchio (40 milioni di euro, ma una parte potrebbero venire dalla cessione di Morata al Real)) e anche per questo dal mazzo è spuntato il nome che non ti aspetti. Fernando Llorente. Sì, proprio il Re Leone che tanti bei ricordi ha lasciato in bianconero. "Tornare alla Juve sarebbe un sogno", ha detto lo spagnolo che quest'anno ha fatto più panchina che altro al Siviglia. Lo vogliono in Premier League, ma lui punterebbe a tornare a Torino, magari riducendosi sensibilmente il suo attuale stipendio da oltre 4 milioni di euro. Al Siviglia era stato dato gratis e a zero potrebbe tornare dalla Signora. Non sarebbe il top player per vincere la Champions, ma potrebbe ugualmente puntellare un reparto che, Dybala e Mandzukic a parte, rischia di doversi pesantemente rinnovare.