Da Donnarumma a Pastore: il mercato di gennaio prepara i botti

Il portiere del Milan tentato dal Psg, l'argentino invece potrebbe lasciare Parigi per Milano. Anche Sanchez e Joao Mario sono sul piede di partenza

  • A
  • A
  • A

Porta sulle spalle il numero 99 ma è un numero 1, con l'ambizione di diventare "il" numero uno. Le premesse c'erano tutte, ma dopo la turbolenta estate che ha portato al rinnovo con il Milan - ma al tempo stesso alla rottura con tutto l'ambiente rossonero - Gigio Donnarummma cerca la chiave giusta per rilanciare la sua carriera. La tensione con il Milan è alle stelle e non è escluso che a gennaio si possa trovare la soluzione definitiva: cessione (all'estero) e ognuno per la propria strada. Su Gigio c'è il Psg, che acquistando il rossonero potrebbe accontentare Kevin Trapp, deciso a cambiare perché ormai ai margini del progetto tecnico di Emery che gli preferisce Areola (a sua volta destinato a diventare il secondo nel caso Gigio sbarcasse a Parigi).

Donnarumma a gennaio è un'ipotesi praticabile anche perché il portiere sarebbe utilizzabile in Champions League, discriminante decisiva nella prossima finestra di mercato. Come lui, anche Alexis Sanchez, sempre più vicino a lasciare l'Arsenal per raggiungere Pep Guardiola al Manchester City. L'accordo per giugno c'è già, ma se il cileno dovesse dare l'addio a Londra tra sei mesi, i Gunners non guadagnerebbero nemmeno un centesimo. Ecco, quindi, che Arsene Wenger potrebbe rinunciare al suo attaccante in anticipo pur di incassare qualcosa dalla sua cessione. 

Altro giro, altro campione sul mercato. Javier Pastore è il grande colpo che vorrebbe mettere a segno l'Inter per rinforzare la rosa di Spalletti. L'argentino ha ammesso i contatti con i nerazzurri e l'idea di levarsi di dosso l'etichetta di comprimario lo affascina non poco. Nella scacchiera nerazzurra andrebbe a ricoprire il ruolo di trequartista alle spalle di Icardi e troverebbe quello spazio necessario per guadagnarsi una maglia per i Mondiali in Russia. Possibile percorso inverso per Joao Mario: il portoghese non ha ancora inciso nel campionato italiano, ma l'Inter per il suo cartellino chiede almeno 35 milioni. Dovesse partire il portoghese, non è Pastore l'unica alternativa per i nerazzurri: Henrikh Mkhitaryan, infatti, è in uscita dal Manchester United, anche se il suo ingaggio da oltre 4,5 milioni di euro al momento frena la trattiva.

Difficile, invece, che i grandi colpi di gennaio arrivino dalla Bundesliga, anche se vanno sempre tenuti sotto osservazione due nomi eccellenti: Pierre-Emerick Aubameyang e Arturo Vidal. Per i loro addii a Borussia Dortmund e Bayern Monaco servirà aspettare (almeno) giugno.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments