Chelsea, Diego Costa: "Volevo l'Atletico, sono tornato da Conte con la coda tra le gambe"

L'attaccante spagnolo racconta alcuni retroscena di mercato: "E poi la Cina..."

  • A
  • A
  • A

A livello personale è una stagione da incorniciare: già 17 gol in Premier, a segno ogni 136 minuti. A livello di squadra ancor meglio, visto che il Chelsea viaggia spedito verso il titolo. Eppure per Diego Costa tutto sarebbe potuto essere molto diverso se non fosse "tornato con la coda tra le gambe" da Conte dopo aver tentato di passare all'Atletico Madrid: "Antonio - ha raccontato a Cadena Ser - era arrabbiatissimo, quasi non mi parlava".

"Il rapporto con Conte - ha svelato l'attaccante della Naziona spagnola - non è iniziato benissimo, perché appena è arrivato gli ho detto che volevo andare all'Atletico Madrid. Lui era arrabbiatissimo, quasi non mi guardava. E lo capisco, lo avrei fatto anch'io. Per fortuna ho cominciato a segnare gol. Ho fatto di tutto per provare a tornare all'Atletico Madrid, mi dicevano che ero la prima scelta ma non mi hanno aspettato. Così, sono dovuto ritornare da Conte con la coda fra le gambe".

Meglio così, verrebbe da dire, per Conte e per lo stesso Diego Costa che però, a gennaio, è stato ancora sulla soglia dell'addio, questa volta direzione Oriente: "Vicino alla Cina? Mai dire mai, nella vita non bisogna mai chiudere nessuna porta. Ma non ho imparato l'inglese, figuriamoci il cinese”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments