FORMULA UNO GP SPAGNA

Hamilton a caccia del poker nel GP di Spagna che si preannuncia caldissimo...

Vigilia avvelenata a Barcelona: nel sesto appuntamento del Mondiale tiene banco il caso Racing Point. Horner chiama in causa la Mercedes.

  • A
  • A
  • A

Lewis Hamilton punta a tornare subito alla vittoria, Max Verstappen a contrastarne la marcia verso il titolo numero sette, la Ferrari a tornare sul podio ed a tornare a poter contare su un Sebastian Vettel motivato ed efficace. In attesa dei primi verdetti della pista però a Barcellona la vigilia dei primi turni di prove libere è calda e tesa per il caso Racing Point e le dichiarazioni di Christian Horner al proposito.

Max Verstappen sfida Lewis Hamilton in pista, la Red Bull attacca la Mercedes davanti ai microfoni. I Tori contro le Frecce Nere e la Ferrari a caccia di un posto al sole in un Gran Premio di Spagna che, proprio al culmine dell'estate, lascia il Nord Europa per quella mediterranea. Tiene ancora banco il caso dei condotti dei freni della Racing Point, con il ricorso di Ferrari e Renault alla sentenza FIA (quindici punti di penalizzazione e sanzione pecuniaria da 400mila euro per la "Mercedes rosa"). Ad avvelenare il clima, appunto, le dichiarazioni di Christian Horner. Il Team Principal della Red Bull chiama in causa la Mercedes e la Federazione Internazionale stessa. Anche perché tempi e modi dello cambio di tecnologia riguardano da vicino il team austriaco, proprietario di Alpha Tauri.

"Conta la chiarezza su cosa è o non è consentito. Red Bull possiede il 100% dei due team e abbiamo sempre rispettato le normative poiché le regole del Costruttore nell'ultimo Patto della Concordia erano molto chiare. Non è un problema di condotti dei freni, ma più filosoficamente di ciò che è regolamentare e ciò che non lo è. Se Racing Point è colpevole di aver ricevuto informazioni, anche il team che ha fornito i progetti ha violato quelle regole, no? La Fia chiarisca". 

In attesa di sviluppi, al Montmelò stanno per accendersi i riflettori e soprattutto i motori sul sesto appuntamento del Mondiale. Vincitore delle tre ultime edizioni del GP di Spagna (quattro in totale con il successo del 2014), Hamilton punta a riprendere i suoi "winning ways", andati ... in pausa nel GP del 70esimo Anniversario della F.1. Barcelona però è anche una pista magica per Max Verstappen che quattro anni fa vi ha conquistato la prima vittoria nel Mondiale, oltretutto al debutto con la Red Bull, in sostituzione di Daniil Kvyat. Quella di fare il bis di Silverstone-2 sull'asfalto catalano è una missione difficile ma ... necessaria per il pilota olandese. Lo sarà molto di più per la Ferrari che detiene il record di successi nel GP di Spagna (dodici), l'ultimo però nell'ormai lontano 2013 con Fernando Alonso. Il Cavallino Rampante punta ovviamente tutto sul Charles Leclerc ma ha il dovere  di "recuperare" il contributo di Vettel a quale è stato messo a disposizione un nuovo telaio, con la speranza che possa aiutare il tedesco (vincitore nove anni fa a Barcellona con la Red Bull) per ritrovare fiducia e incisività.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments