GP AUSTRIA LIBERE 2

GP Austria libere 2: Hamilton e la Mercedes dominano. Ferrari sulla difensiva

Dominio Mercedes anche nel secondo turno di prove libere. La Ferrari prende atto: il Mondiale parte in difesa

  • A
  • A
  • A

Percorso netto di Lewis Hamilton (e della Mercedes) nella prima giornata di prove del Gran Premio d'Austria. Il sei volte campione del mondo ripete nella sessione del pomeriggio l'exploit della mattinata ed alle sue spalle c'è ancora il compagno di squadra Bottas. Il passo-gara delle Frecce Nere è inarrivabile. Delude ancora la Ferrari: Vettel (quarto) risale la classifica ma Leclerc è solo nono. Cresce ancora la Racing Point: terzo tempo con Sergio Perez.

Lewis Hamilton e la Mercedes imbattuti al termine delle prime tre ore di prove libere del Gran Premio d'Austria. Al volante della W11 "total black" il sei volte iridato inizia con il piede giusto la caccia al settimo titolo. Lo fa regolando in entrambi le sessioni il proprio compagno di squadra Valtteri Bottas, mentre la Ferrari conferma nel turno del pomeriggio le perplessità già evidenziate al mattino. Charles Leclerc guadagna una sola posizione (da decimo a nono), riducendo di due soli decimi un ritardo dal leader che, nelle libere 2, è sceso di pochissimo sotto al secondo (994 millesimi).

Meglio ha fatto Sebastian Vettel, che ha dimezzato il proprio ritardo (da un secondo e due a 657 millesimi), passando dal dodicesimo al quarto posto della classfica dei tempi. Ancora troppo poco per il tedesco che tra le montagne della Stiria "festeggia" senza brillare il suo 33esimo compleanno. Il Team Principal Mattia Binotto non si fa pregare per parlare di un avvio di stagione sulla difensiva, apparentemente destinato a non cambiare nemmeno per la replica di Spielberg del prossimo weekend. Le prime novità arriveranno solo a partire dal Gran Premio d'Ungheria, terza tappa di un Mondiale che - per ora - di appuntamenti certi (anzi, al momento semplicemente confermati) ne conta solo otto ... Insomma, una prospettiva non particolarmente rosea ... Soprattutto se il rosa è invece quello della Racing Point RP20 di Sergio Perez e Lance Stroll che - non a caso - è una sorta di Mercedes ridipinta con una colorazione parecchio meno minacciosa ma per nulla ... tenera nei confronti della concorrenza. Il messicano è passato dal quinto tempo della mattina al terzo del pomeriggio, chiudendo a 641 millesimi da Hamilton, autore appunto del miglior tempo con 197 millesimi di vantaggio su Bottas.

Perez e Stroll (settimo ad 831 millesimi da Lewis)  sono al momento "in pista" per un posto al sole sulla griglia di partenza ed una performance da podio nel GP. Podio che sembra al momento il massimo traguardo della Ferrari in Austria. Intanto a separare Vettel da Leclerc ci sono il regolare Daniel Ricciardo (quinto con la Renault), Lando Norris (sesto con la migliore delle McLaren), lo stesso Stroll e poi Max Verstappen. Sulla pista di casa della Red Bull l'olandese va a caccia del terzo successo consecutivo nel GP d'Austria. Al terzo tempo del mattino però Max ha fatto seguire solo l'ottavo crono del pomeriggio, con un ritardo salito da sei a nove decimi e - al suo "attivo" - anche un "lungo" per sua fortuna senza conseguenze

 Chiude la top ten il ferrarista prossimo venturo (e oggi pilota McLaren) Carlos Sainz Jr., decimo appunto, nella scia del suo prossimo compagno di squadra Leclerc. E se la Ferrari non brilla, l'Alfa Romeo delude: Antonio Giovinazzi fa ancora una volta meglio di Kimi Raikkonen ma la 14esima prestazione dell'italiano (ad un secondo e 3 da Hamilton) e la 19esima del finlandese (con un ritardo che sfiora i due  secondi) non permettono al momento di coltivare grandi ambizioni per il GP inaugurale.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments