F1, GP Abu Dhabi: pole Rosberg, disastro Ferrari con Vettel

Il tedesco del Cavallino 16° ed eliminato nel Q1 per un errore strategico

di MARCO ENZO VENTURINI

Nico Rosberg si prende un'altra pole position, la sesta di fila, nel GP di Abu Dhabi. Il tedesco batte tutti con il tempo di 1:40.237, anche il compagno Lewis Hamilton, 2° a +0.337. Disastro Sebastian Vettel per la Ferrari: il tedesco, velocissimo, rinuncia al giro lanciato in Q1 e viene eliminato da Grosjean: partirà 16°. Kimi Raikkonen chiude al 3° posto, a +0.814 da Rosberg e davanti allo scatenato Sergio Perez su Force India.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

AFP

Foto 2

AFP

Foto 3

AFP

Foto 4

AFP

Foto 5

AFP

Foto 6

AFP

Foto 7

AFP

Foto 8

AFP

Foto 9

AFP

Foto 10

AFP

Foto 11

AFP

Foto 12

AFP

Foto 13

AFP

Foto 14

AFP

Foto 15

AFP

Foto 16

AFP

Foto 17

AFP

Foto 18

AFP

Foto 19

AFP

Foto 20

AFP

Foto 21

AFP

Foto 22

AFP

Foto 23

AFP

Foto 24

AFP

Foto 25

AFP

Foto 26

AFP

Foto 27

AFP

Foto 28

AFP

Foto 29

AFP

Foto 30

AFP

Foto 31

AFP

Foto 32

AFP

Foto 33

AFP

Foto 34

AFP

Foto 35

AFP

Foto 36

AFP

Foto 37

AFP

Foto 38

AFP

Foto 39

AFP

Foto 40

AFP

Foto 41

AFP

Foto 42

AFP

Foto 43

AFP

Foto 44

AFP

Foto 45

AFP

Foto 46

AFP

Foto 47

AFP

Foto 48

AFP

Foto 49

AFP

Foto 50
Foto 51
Foto 52
Foto 53
Foto 54
Foto 55
Foto 56
Foto 57
Foto 58
Foto 59
Foto 60
Foto 61
Foto 62
Foto 63

Un disastro in piena regola, quello del Cavallino, anche considerando che la Ferrari sul circuito di Yas Marina presenta una macchina che sembra poter impensierire la Mercedes. Ma al momento decisivo della Q1 i calcoli sui tempi altrui (inferiori nel primo settore, lungo però solo 17 secondi su un giro di un minuto e 40) ingannano il muretto della Rossa e Vettel abortisce un tempo che gli avrebbe senz'altro permesso di lottare per le primissime posizioni. Un vero peccato, ma il terzo posto conquistato nel 2012 partendo addirittura dalla pit lane fa ben sperare nella possibile rimonta del quattro volte campione del mondo. Gli occhi dei tifosi ferraristi saranno però puntati su Raikkonen, terzo in griglia e decisamente competitivo sul passo gara, a fronte dei dubbi di Hamilton, preoccupato dal degrado degli pneumatici sulla sua formidabile Mercedes. Dove ancora una volta Rosberg sembra favoritissimo, dopo la sesta pole position consecutiva e le due vittorie conquistate in Messico e in Brasile.

Q1

Dopo il primo giro di tempi, con gomme medie, Hamilton è davanti a tutti con il tempo di 1:40.974, Rosberg è 2° a +0.137, Raikkonen 3° a +1.526, Vettel 5° a 1.967. Tra il finlandese della Ferrari e Kvyat, addirittura 16°, la differenza è solo di un secondo, a dimostrazione del grande equilibrio che c'è su questo tracciato, fatta eccezione per le dominanti Mercedes e le attardate Manor. Negli ultimi minuti tornano tutti in pista con gomme supersoft, tranne Hamilton, Rosberg e Raikkonen, che risparmiano un treno di pneumatici per il prosieguo della qualifica. Nell'infuocato finale Ericsson e Alonso sono costretti ad abortire l'ultimo tentativo per problemi tecnici. Lo fa anche Vettel, ma per una precisa strategia. Il tedesco rallenta nel corso dell'ultimo tentativo e torna ai box.L'azzardo si rivela un terribile autogol: all'ultimo istante infatti Grosjean migliora il proprio tempo e relega Seb al 16° posto, e cioè fuori dalla Q2.

Q2

Anche in questo caso la Ferrari si muove dopo gli altri: Kimi Raikkonen infatti decide di non prendere parte alla prima tranche di giri veloci, entrando in pista solo dopo cinque minuti abbondanti. Ma questa volta il calcolo del Cavallino è giusto e il finlandese riesce a chiudere con il 4° tempo. Davanti a tutti chiude ancora una volta Hamilton grazie al tempo di 1:40.758. Alle sue spalle Rosberg a +0.221, lo scatenato Perez a +0.802. Quindi Kimi a +0.854 davanti a Ricciardo, Bottas e Hulkenberg. Eliminato Verstappen, beffato nel rush finale dal compagno di scuderia Sainz, oltre all'olandese fuori dalla Q3 anche Button, Maldonado, Nasr e Grosjean. Nessun tempo cronometrato, tra l'altro, per il francese della Lotus: un'ulteriore beffa per Vettel.

Q3

Negli ultimi minuti, quelli che contano davvero per l'assegnazione della pole position, si ribaltano però i valori in casa Mercedes, con Rosberg che rifila quasi 4 decimi a un Hamilton che manca la pole da Monza. Chi impressiona ancora una volta è la Force India di Perez, che contende a Raikkonen il terzo posto. Alla fine a prenderselo è il finnico della Ferrari, ma il messicano completa la seconda fila a meno di due decimi da Kimi.

TAGS:
F1
Formula 1
Qualifiche
Pole
GP Abu Dhabi
Ferrari
Mercedes
Vettel
Raikkonen
Hamilton
Rosberg

Argomenti Correlati

VOTATE

F1, Vettel 16° in griglia: ha delle colpe?

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X