FERRARI

F1, Vettel: "Peccato per Suzuka, ma sono fiducioso per il Messico"

C'è anche Giovinazzi (Alfa Romeo) in conferenza stampa: "Vogliamo tornare a punti. Il futuro? Devo parlare con il team, ma continuando così aumenta la fiducia"

  • A
  • A
  • A

Nella conferenza stampa che apre il weekend messicano di Formula 1, prendono la parola Sebastian Vettel e Antonio Giovinazzi. Su Suzuka, il ferrarista ammette: “Non mi sono goduto la pole, è stato un peccato per una gara che poteva andare meglio”. Diverse le sensazioni sul Messico: “Abbiamo un pacchetto forte, ma dovremo trovare un bilanciamento giusto”. Il pilota dell'Alfa Romeo sul suo futuro: “Devo parlare con il team, ma sono fiducioso se continuo a lavorare così”.

Sebastian Vettel si mette alle spalle il Gran Premio del Giappone, dove ha centrato la pole position ma non la vittoria, e guarda con rinnovata fiducia al Messico, quart'ultimo appuntamento stagionale, dove l'anno scorso arrivò secondo dietro Max Verstappen. Quella dell'Autodromo Hermanos Rodriguez sembra essere una pista adatta alle caratteristiche della Ferrari (nel 2018 a podio anche con Kimi Raikkonen), ma il tedesco è molto prudente al microfono: “Dovremo trovare un buon assetto e il bilanciamento giusto su questo tracciato, soprattutto dovremo gestire bene le zone più tortuose. Ad ogni modo ci sono tanti dettagli che possono fare la differenza, e in generale sono fiducioso, perché abbiamo un pacchetto forte”. Dopo un pensiero a Suzuka (“Non mi sono goduto la pole, peccato per una gara che poteva andare meglio”), Vettel spalleggia il grande rivale Lewis Hamilton sulla lotta per l'ambiente: “Saremmo ignoranti se non ce ne preoccupassimo, e la Formula 1 deve mandare un messaggio forte. Se noi piloti possiamo fare qualcosa, facciamolo. Spero che il cambiamento ci sia e che arrivi presto: io sostengo il pianeta”.

In conferenza stampa c'è anche Antonio Giovinazzi. Il pilota dell'Alfa Romeo spiega il suo anno e parla del suo futuro: “Non ho cambiato molto nello stile di guida dalla gara in Australia, però è cambiata la fiducia e la consapevolezza nei miei mezzi. La macchina fatica ancora sul passo gara, ma vogliamo tornare a fare punti, visto che in Russia e Giappone siamo rimasti a secco. Il futuro? Con il team ancora non ho parlato, ma se continuo a guidare così sono fiducioso”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments