BRESCIA-LECCE 3-0

Serie A: la cura Corini funziona, il Brescia travolge 3-0 il Lecce

Le reti di Chancellor, Torregrossa e Spalek danno alle Rondinelle la seconda vittoria consecutiva

  • A
  • A
  • A

Nel primo anticipo del 16esimo turno di Serie A, il Brescia travolge per 3-0 il Lecce. Gara senza storia al “Rigamonti”: i padroni di casa passano in vantaggio con un tocco sotto misura di Chancellor (32') e raddoppiano con Torregrossa (44'), favorito da un errore clamoroso del portiere leccese Gabriel. Nella ripresa arriva il tris di Spalek (61'): Corini è alla seconda vittoria consecutiva dopo essere tornato sulla panchina del Brescia.

LA PARTITA
Massimo Cellino applaude dalla tribuna. Forse il presidente del Brescia, a posteriori, non esonererebbe più Eugenio Corini per mettere sotto contratto Fabio Grosso. Inevitabile fare qualche paragone: in tre partite il campione del mondo 2006 non ha racimolato alcun punto, segnando zero gol e subendone dieci. Corini in due gare ha fatto bottino pieno: 1-0 alla Spal e 3-0 al Lecce, due dirette concorrenti per la salvezza (ben più complicato il cammino di Grosso, che ha dovuto affrontare Torino, Roma e Atalanta). A prescindere dai numeri, il Brescia sembra offrire un calcio più propositivo, riprendendo il discorso che era iniziato dalla scorsa Serie B. Le Rondinelle fanno la partita, Gabriel deve compiere un grande intervento su Romulo dopo appena sette minuti. Si fa male Ndoj, entra Spalek che agisce da trequartista: con questa mossa Corini vince la partita. Passano tre minuti, infatti, e lo slovacco sfrutta una sponda di Torregrossa per servire in area Chancellor (32'), al primo gol in Serie A. 
Incredibile la dinamica del 2-0 (44'): Gabriel lascia scorrere una punizione innocua di Tonali, ma sulla traiettoria irrompe Spalek, che beffa il portiere e dà a Torregrossa, solo nell'area piccola, l'occasione per segnare la rete più facile della carriera. Il Lecce non demorde nemmeno dopo il tris firmato da Spalek al 61' con un'azione palla a terra. Una rete preventibabile, perché Balotelli si era già reso pericoloso in due occasioni. Liverani rischia il tutto schierandosi con un offensivo 3-3-4: il cambio di modulo produce un forcing fermato da Alfonso (sostituto di Joronen), bravissimo su La Mantia e Babacar. Ma anche le Rondinelle hanno le chances per il poker: l'imprecisione di Romulo e la sfortuna di Balotelli (traversa su tiro deviato) fanno sì che il punteggio resti 3-0. In classifica, il Brescia sale a 13 punti: Rondinelle quart'ultime a -2 proprio dai salentini.

LE PAGELLE

Spalek 7,5 - Entra a freddo dopo mezz'ora per via dell'infortunio di Ndoj. In tre minuti serve l'assist per Chancellor, poi recupera un pallone che sembrava perso per il 2-0. Suo il tris che sigilla la gara: lo slovacco è assolutamente decisivo.

Balotelli 6,5 - Sotto l'occhio del ciclone con Grosso, è un giocatore totalmente rigenerato da Corini. Più lottatore, meno umorale. Certo, resta sempre lui, e un bisticcio con Liverani lo dimostra. Nella ripresa sfiora il gol in almeno tre occasioni.

Romulo 5,5 - È ovunque, ma quanti gol sbagliati. Almeno quattro le occasioni per l'ex Genoa, che rimedia parzialmente con una gara di grande corsa.

Gabriel 5 - L'insufficienza è meno pesante perché il brasiliano sfodera alcune parate importanti. Ma è inconcepibile che un portiere di Serie A prenda una rete come quella del 2-0.


IL TABELLINO

BRESCIA-LECCE 3-0
Brescia (4-3-1-2): Alfonso 6,5; Sabelli 6,5, Chancellor 7, Mangraviti 6,5, Mateju 6; Bisoli 6,5, Tonali 6,5 (36' st Viviani s.t.), Ndoj 6 (29' Spalek 7,5); Romulo 5,5; Torregrossa 7 (25' st Martella 6), Balotelli 6,5.
A disp.: Andrenacci, Gastaldello, Zmrhal, Donnarumma, Aye, Magnani, Morosini. All.: Corini 6,5.

Lecce (4-3-1-2): Gabriel 5; Rispoli 5, Rossettini 5, Dell'Orco 4,5, Calderoni 5,5 (26' st Babacar 6); Majer (17' st Farias) 5,5, Tachtsidis 5, Tabanelli 5; Shakhov 5 (1' st Falco 6); Lapadula 5, La Mantia 5,5.
A disp.: Vigorito, Bleve, Riccardi, Vera, Benzar, Dubickas, Gallo, Lo Faso, Maselli. All.: Liverani 5,5.

Arbitro: Irrati
Reti: 32' Chancellor, 44' Torregrossa, 16' st Spalek
Ammoniti: Chancellor (B), Balotelli (B), Torregrossa (B), Sabelli (B); Majer (L), Shakhov (L), Lapadula (L), Tabanelli (L), Calderoni (L), Farias (L).
Note: ammonito l'allenatore del Lecce Liverani per proteste.

 

LE STATISTICHE

*    Il Brescia non vinceva un match di Serie A con uno scarto di 3+ gol da marzo 2004 (5-2 vs Ancona).
*    Il Brescia ha vinto due match consecutivi in Serie A per la prima volta da settembre 2010; in più i lombardi non ottenevano almeno due clean sheet di fila nella massima serie da novembre 2004.
*    Il Brescia ha vinto la sua prima partita casalinga di questa Serie A; l’ultimo successo dei lombardi al Rigamonti nella massimo campionato risaliva ad aprile 2011 con Iachini alla guida (vs Bologna).
*    Sono 3 le partite di questa Serie A che hanno messo a referto 10 ammonizioni, in due di queste è presente il Brescia (anche vs Genoa).
*    A partire da quando Opta raccoglie questo dato (dal 2004/05), Nikolas Spalek è il primo giocatore del Brescia ad aver sia segnato che fornito assist subentrando a gara in corso.
*    Nikolas Spalek è il quarto giocatore sia a segnare che a fornire assist da subentrato in un match di questo campionato, dopo Kouamé, Perotti e Falco.
*    Prima rete per Ernesto Torregrossa in Serie A con il secondo tiro nello specchio (quinta presenza nella massima serie).
*    In Brescia-Lecce sono partiti titolari ben 15 giocatori italiani, nessun altro match di questa Serie A ne ha contati di più.
*    Jhon Chancellor è il 5° giocatore venezuelano a segnare in Serie A.
 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments