JUVENTUS-LAZIO 2-1

Serie A, Juventus-Lazio 2-1: doppietta di Cristiano Ronaldo, scudetto a un passo

Doppietta del portoghese che aggancia Immobile in vetta alla classifica marcatori. Il nono titolo di fila è a un passo

  • A
  • A
  • A

La Juventus ha battuto 2-1 la Lazio nel posticipo della 34.a giornata di Serie A con una doppietta di Cristiano Ronaldo, portandosi a +8 sull'Inter seconda in classifica e mettendo le mani sul nono scudetto di fila. Dopo un primo tempo equilibrato, nella ripresa Ronaldo va in gol due volte tra il 51' (rigore) e il 54' su assist di Dybala, salendo a quota 30 reti in campionato. Come Immobile che all'82' si procura e realizza un rigore.

LA PARTITA

Manca l'ultimo passo e sarà ancora una volta scudetto. La Juventus ha superato l'ultimo grande ostacolo di classifica, quel che resta della Lazio di Simone Inzaghi e lo ha fatto con il suo uomo-copertina, quel Cristiano Ronaldo che con una doppietta è salito a quota 30 gol in campionato, ricalcando in maniera indelebile la sua immagine sull'ormai probabile nono titolo consecutivo dei bianconeri. Novanta minuti in cui le due squadre hanno mostrato ancora una volta i limiti del momento, fisici e mentali, ma che hanno premiato la maggiore lucidità della Juventus nel momento chiave della sfida. Gli errori di Bastos e Luiz Felipe hanno regalato a Cristiano Ronaldo altri due gol da mettere nella collezione personale, mentre Immobile ha risposto nel finale al portoghese firmando a sua volta la 30a rete in campionato. Per par condicio anche un legno per parte in questa sfida nella sfida.

Una partita strana quella dell'Allianz Stadium, spettro di quello che avrebbe potuto essere uno scontro diretto scudetto e che invece ha messo di fronte due squadre a proprio modo in difficoltà, seppure con risultati decisamente distanti dalla ripresa del campionato. I piani tattici studiati da Sarri inoltre sono saltati a pochi minuti dal fischio di inizio, quando Higuain ha alzato bandiera bianca riconsegnando il palco scenico a Dybala, riscrivendo la storia della sfida con la Joya ancora una volta protagonista, seppur senza firma. Nel primo tempo però a parte qualche giocata qua e là sulla trequarti, la sfida si è rivelata equilibrata e senza grossi sussulti, eccezion fatta per un'occasione per parte stampatasi sul legno. All'11' Alex Sandro di testa su assist di De Ligt ha colpito il primo palo, poi ci ha pensato Immobile nella prima grande chance della sua partita a spaventare Szczesny colpendo un palo interno dal limite dell'area.

Tutto è cambiato a inizio ripresa. La Juventus è rientrata in campo più aggressiva e ispirata, rendendosi pericolosa già dopo quaranta secondi con una serpentina di Dybala frenata da Strakosha e salvata sulla linea dalla difesa biancoceleste. Al resto hanno pensato gli sciagurati Bastos e Luiz Felipe. Al 50' l'angolano ha contrastato in maniera scoordinata una conclusione di CR7, deviandola col braccio e regalando al portoghese il rigore del vantaggio; pochi minuti dopo il brasiliano a centrocampo ha pasticciato col pallone, consegnandolo a Dybala in un due contro uno con assist a CR7 che è valso il gol numero 30 in campionato e il raddoppio, facendo saltare ogni piano tattico di Simone Inzaghi.

Avanti di due reti la Juventus avrebbe potuto dilagare con le occasioni di Dybala e la traversa ancora di Ronaldo, ma nel finale è venuto fuori il limite caratteriale che sta caratterizzando l'ultimo periodo dei bianconeri di Sarri. All'82' Immobile ha sorpreso Bonucci e Szczesny, facendosi atterrare e realizzando dal dischetto il gol dell'1-2, mandando in tilt per qualche minuto la Juventus. Solo una grande parata all'incrocio dei pali del portiere polacco su una punizione di Milinkovic-Savic ha evitato un finale clamorosamente diverso, lasciando saldamente le mani bianconere sul prossimo - ennesimo - scudetto.

--
LE PAGELLE

Ronaldo 7 - Doppietta e aggancio a Immobile in classifica marcatori. Scrive la storia della Juventus mettendo l'autografo numero 29 e 30 sull'ormai probabile scudetto bianconero. Un rigore e una rete da due passi, ma questo titolo avrà più che mai il suo volto.

Dybala 7 - Non doveva giocare, ma è decisivo ancora una volta e con poco preavviso. Si accende nella ripresa creando diverse occasioni e regalando a Ronaldo un pallone solo da spingere in rete. Illumina il campo con le sue giocate, ma non trova la gioia personale.

Rabiot 6,5 - Conferma i progressi delle ultime settimane, senza strafare ma almeno restituendo un senso tattico alla sua presenza in campo. Con un paio di sgroppate offensive mette in difficoltà la difesa della Lazio.

Bonucci 5 - Serata storta per il centrale bianconero. Protagonista in negativo nelle due grandi chance per la Lazio, prima facendo tirare Immobile (palo) e poi facendosi sorprendere atterrandolo per il rigore.

Immobile 6,5 - La sfortuna lo perseguita, ma ritrova il gol dal dischetto. Si procura due grandi occasioni, in una colpisce un palo interno clamoroso; nel finale subisce il fallo da rigore di Bonucci. Sale a quota 30 reti insieme a Ronaldo.

Bastos 5 - Nel primo tempo è autore di un paio di interventi sconsiderati, ma è nella ripresa che rompe gli equilibri con una scivolata scoordinata che porta al tocco di braccio e al rigore che sblocca il match. Imperdonabile, soprattutto con la regola attuale sui falli di mano.

Luiz Felipe 4,5 - Disputa un primo tempo ordinato e di sostanza, pienamente sufficiente. Poi rovina tutto nella ripresa regalando a Dybala un pallone banale che viene poi trasformato nel raddoppio che chiude la partita con largo anticipo.

--

IL TABELLINO

JUVENTUS-LAZIO 2-1
Juventus (4-3-3):
Szczesny 6,5; Cuadrado 6, De Ligt 6,5, Bonucci 5, Alex Sandro 6; Ramsey 5,5 (12' st Matuidi 6), Bentancur 6, Rabiot 6,5; Costa 5,5 (12' st Danilo 5,5), Dybala 7 (44' st Rugani sv), Ronaldo 7. A disp.: Buffon, Pinsoglio, Rugani, Demiral, Pjanic, Muratore, Olivieri, Zanimacchia, Wesley. All.: Sarri 6.
Lazio (3-5-2): Strakosha 6; Bastos 5, Luiz Felipe 4,5 (44' st Falbo sv), Acerbi 6; Lazzari 5,5 (44' st Moro sv), Milinkovic-Savic 5,5, Cataldi 5,5 (30' st A. Anderson 6), Parolo 5,5, D. Anderson 5,5 (21' st Vavro 5,5); Caicedo 5 (21' Adekanye 5), Immobile 6,5. A disp.: Proto, Guerrieri, Armini, Falbo, Lukaku, A. Anderson, Moro. All.: S. Inzaghi 5.
Arbitro: Orsato
Marcatori: 6' st rig. Ronaldo (J), 9' st Ronaldo (J), 37' st rig. Immobile (L)
Ammoniti: Alex Sandro, Bonucci, Danilo (J); D. Anderson (L)
Espulsi: nessuno
--

LE STATISTICHE DI OPTA

•    Per la prima volta nella sua storia, la Juventus ha segnato almeno due gol in 11 gare di fila in Serie A.
•    Cristiano Ronaldo è il terzo giocatore nella storia della Juventus a segnare almeno 30 gol in una stagione di Serie A, dopo Felice Borel (31 nel 1933/34) e John Hansen (30 nel 1951/52).
•    Per l’ottava occasione Cristiano Ronaldo segna almeno 30 gol stagionali nei cinque maggiori campionati europei. Dal 2007/08 ad oggi, nessun giocatore ha fatto meglio.
•    Cristiano Ronaldo è il giocatore che ha raggiunto quota 50 gol in Serie A con il minor numero di presenze (61), tra chi ha debuttato nell’era dei tre punti a vittoria – prima di lui il record era di Andriy Shevchenko (50 gol in 68 match).
•    Cristiano Ronaldo è il primo giocatore nella storia a segnare almeno 50 gol in Premier League, Liga e Serie A.
•    Ciro Immobile è il quinto giocatore italiano a segnare almeno 30 gol in una singola stagione nella storia della Serie A, dopo Giuseppe Meazza (1929/30), Felice Borel (1933/34), Antonio Angelillo (1958/59) e Luca Toni (2005/06).
•    Sono 13 i gol su rigore per Juventus e Lazio in questo campionato: più di ogni altra squadra in una singola stagione di Serie A da quando Opta raccoglie questo dato (2004/05).
•    La Lazio ha conquistato solo un punto nelle ultime cinque gare di campionato (1N, 4P): è la striscia più lunga dei biancocelesti senza vittoria in Serie A da dicembre 2018.
•    Nessun giocatore ha colpito più legni di Ciro Immobile nel corso delle ultime due stagioni nei cinque maggiori campionati europei: 14, come Leo Messi.
•    Douglas Costa ha tagliato stasera il traguardo delle 100 presenze con la Juventus, in tutte le competizioni.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments