GIUDICE SPORTIVO

Giudice Sportivo: Atalanta-Torino si gioca, rinviata la decisione su Salernitana-Venezia e Fiorentina-Udinese

Il Giudice Mastrandrea ha chiesto ulteriore documentazione alle società

  • A
  • A
  • A

Il Giudice Sportivo Gerardo Mastrandrea ha comunicato le decisioni in merito alle gare Atalanta-TorinoSalernitana-Venezia e Fiorentina-Udinese, tutte in programma il 6 gennaio, rinviate per l'emergenza Covid. E' stato stabilito che la sfida tra bergamaschi e piemontesi verrà giocata, mentre rimangono sub iudice le altre due gare.

© Getty Images

La decisione si basa sulla sussistenza della forza maggiore che ha impedito alla squadra di Juric di recarsi a Bergamo. Per le altre due partite ancora in bilico, Fiorentina-Udinese e Salernitana-Venezia, non c'è stato ancora il pronunciamento e le gare restano sub iudice. Lo scorso 21 gennaio era stato invece deciso per il recupero di Bologna-Inter.

In merito a Salernitana-Venezia, dopo aver esaminato nel dettaglio l'intricata vicenda, il Giudice ha stabilito quanto segue: "Riservandosi di decidere in rito e nel merito, dispone che la reclamante U.S. Salernitana, nel termine massimo di giorni sette dalla pubblicazione della presente decisione interlocutoria, fornisca, con atti trasmessi a questo Giudice e alle altre parti intervenute in giudizio, ogni elemento utile a confermare o meno la situazione descritta in parte motiva circa i calciatori disponibili per la gara de qua. Alle parti resistenti è data facoltà di controdedurre e di fornire ulteriori elementi nel termine di giorni tre dalla ricezione degli atti da parte della società reclamante".

Questa la decisione su Fiorentina-Udinese: "Riservandosi di decidere in rito e nel merito, dispone che la reclamante Udinese Calcio, nel termine massimo di giorni sette dalla pubblicazione della presente decisione interlocutoria, fornisca, con atti trasmessi a questo Giudice e alle altre parti intervenute in giudizio, ogni elemento utile a chiarire e confermare la situazione descritta nel ricorso (pag. 11 ed allegati 6 e 12) e nella parte motiva della presente pronunzia circa i calciatori effettivamente disponibili per la gara de qua, nonché in ordine all’individuazione dei contatti stretti e pertanto dei soggetti posti in quarantena/autosorveglianza. Alla Lega Serie A, intervenuta in giudizio, è data facoltà di controdedurre e di fornire ulteriori elementi nel termine di giorni tre dalla ricezione degli atti da parte della società reclamante".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti