Doping, rabbia Magnini: "Io come CR7, mi accusano ma sono un esempio"

L'ex campione del mondo: "Sentenza ridicola e già scritta"

  • A
  • A
  • A

E' dura la reazione di Filippo Magnini dopo la sentenza del Tribunale antidoping, che gli ha inflitto quattro anni di squalifica. "Mi rivedo molto in una frase di Cristiano Ronaldo, accusato di stupro - ha tuonato l'ex nuotatore -. Io, come lui, sono un esempio nello sport e nella vita". "Me lo aspettavo, è sentenza ridicola ed era già scritta - ha aggiunto -. E' un anno che penso a chi posso aver pestato i piedi. Ho sempre mantenuto un profilo basso, ma ora basta".

Dopo la condanna, le parole di Magnini arrivano forti e chiare. "Il procuratore Laviani il giorno del processo concluse l'arringa alzandosi in piedi, sbattendo i pugni sul tavolo e dicendomi: questa è diventata una faccenda personale", ha spiegato il due volte campione del mondo. "La giustizia sportiva non funziona - ha continuato -. Mi rincuora che invece la giustizia ordinaria nei miei confronti ha funzionato perché sono stato assolto. Per la legge italiana sono a posto, per quella sportiva no, è ridicolo". "Se devo guardare gli aspetti positivi è che almeno non possono dire che Magnini si è dopato", ha proseguito. "Quello che mi fa ridere è che tutto si limita al 'Noi, procura, pensiamo che voi avete pensato di fare ma non lo avete fatto' e non si parla di nessuna sostanza specifica", racconta il pesarese.

"Noi ad oggi non sappiamo per quale tentativo di uso di sostanza siamo accusati - ha spiegato -. Sarei stato arrabbiato anche per un giorno, figuriamoci per quattro anni. Ci sono atleti che hanno preso due anni dopo essere stati trovati positivi". "Voglio dare un consiglio al Coni - ha concluso Magnini -. Pensare che al Comitato Olimpico vada bene che un procuratore, al quale è stato dato pieno potere, possa dire queste parole senza avere nessuna ripercussione, mi farebbe arrabbiare parecchio fossi in loro". Infine un annuncio: "Credo che scriverò un libro su questa vicenda. Agli atleti dico: state attenti, fate qualcosa perché io ho avuto paura". "Finché non sono morto non posso accettare una cosa del genere", ha aggiunto. "Siamo solo alla virata dei cinquanta metri ed io le gare le vincevo negli ultimi dieci", ha concluso.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments