GIRO D'ITALIA

Ewan trionfa a Cattolica, De Marchi sempre in maglia rosa  

L’australiano della Lotto Soudal, partito lontanissimo, si prende la quinta tappa in volata: beffati Nizzolo e Viviani. Brutta caduta per Mikel Landa, portato via in ambulanza

  • A
  • A
  • A

Dopo i 177 chilometri di continuo rettilineo tra Modena e Cattolica è Caleb Ewan ad andarsi a prendere in volata la quinta tappa del Giro d’Italia 2021. Tante cadute caratterizzano il finale della frazione; è soprattutto quella di Mikel Landa, caricato poi in ambulanza, la più grave. Il terzetto di testa composto da Pellaud, Gabburo e Gougeard è raggiunto e l’australiano trionfa davanti a Nizzolo e Viviani. Alessandro De Marchi sempre maglia rosa.

Quarta vittoria al Giro d’Italia per Caleb Ewan, in una giornata che (sulla carta) doveva rivelarsi sostanzialmente tranquilla per tutto il folto gruppo della Corsa Rosa. Ad avere nettamente la peggio nel tratto pianeggiante tra Modena e Cattolica, invece, è stato Mikel Landa, per colpa di uno spartitraffico; coinvolto nella caduta anche Joseph Dombrovski (UAE Team Emirates), vincitore della tappa di ieri, che ha preso in pieno l’addetto che segnalava l’ostacolo planimetrico. Lo spagnolo del team Bahrain Victorious viene poi portato via in ambulanza ed è così, inevitabilmente, costretto al ritiro.

In tutto questo, restando sulla volata finale di Cattolica, sono ben 10 i secondi posti di tappa in carriera per Giacomo Nizzolo (Team Qhubeka Assos): una maledizione che il campione d’Europa non merita per niente. Tuttavia Ewan è bravissimo a prendersi lo sprint, dopo che aveva fatto lavorare tutta la squadra già a 100 chilometri dal traguardo, rimanendo con un solo compagno di squadra a 2 km dall’arrivo. Poco male, visto lo spunto dell’australiano della Lotto Soudal che negli ultimi metri, pur partendo da molto lontano, riesce nella rimonta su Elia Viviani (Cofidis, oggi terzo) prima e Nizzolo poi. Quarta posizione ed ennesimo piazzamento per Peter Sagan (Bora-Hansgrohe); Fernando Gaviria (UAE Team Emirates) completa la top-5.

Androni Giocattoli-Sidermec e Bardiani-CSF-Faizanè in fuga per due volte; nella seconda con Davide Gabburo e Simon Pellaud. A circa 25 chilometri dall’arrivo parte il contrattacco di Alexis Gougeard (AG2R Citroen), che va a riprendere i due. Finale molto complicato e percorso a velocità folli: il gruppo si compattato a 4 km dal traguardo, prima della volata vincente di Ewan. Da sottolineare, nel finale di questa frazione più complicata del previsto, anche la caduta di Pavel Sivakov (Ineos Grenadiers), uscito definitivamente di classifica.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments