CICLISMO

Ciclismo, Nibali rinuncia ai Mondiali: "Non sono al top"

Lo Squalo: "Non è giusto che porti via il posto a qualche compagno"

  • A
  • A
  • A

"La maglia azzurra per me è sacra e va rispettata. Non sono al top e non è giusto che porti via il posto a qualche compagno". Vincenzo Nibali spiega in questo modo la sua rinuncia ai Mondiali su strada in programma l'ultima domenica di settembre nello Yorkshire, in Inghilterra. Partenza da Leeds e arrivo ad Harrogate, su un percorso lungo 285 chilometri, ma non per lo Squalo. Tra i pre-convocati, il ct degli azzurri Davide Cassani aveva inserito anche Nibali, che invece ha deciso di dare forfait, sia perché non si sente in forma e sia perché il percorso non è adatto alle sue caratteristiche.

Tuttavia Cassani avrebbe comunque voluto che la sua esperienza fosse messa a disposizione della causa azzurra. Nell'elenco del ct restano, dunque, Davide Ballerini, Alberto Bettiol, Davide Cimolai, Damiano Caruso, Dario Cataldo, Sonny Colbrelli, Fabio Felline, Davide Formolo, Gianni Moscon, Daniel Oss, Salvatore Puccio, Matteo Trentin, Diego Ulissi, Andrea Vendrame e Giovanni Visconti. I ruoli sono ancora da valutare: Trentin e Colbrelli si contenderanno i gradi di capitano, assieme a Ulissi. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments