Stop alla guerra sui bambini: la Serie A al fianco di Save the Children

Sabato 18, domenica 19 e lunedì 20 maggio tutte le squadre scenderanno in campo per supportare la campagna. Gli allenatori in prima linea

Stop alla guerra sui bambini: la Serie A al fianco di Save the Children

La Serie A scende in campo al fianco di Save the Children, l'Organizzazione internazionale che da 100 anni lotta per salvare la vita dei bambini e garantire loro un futuro. Lo Sport anche in questa occasione sarà in prima linea: dopo il 102° Giro d’Italia, di cui Save the Children è Charity partner, sarà la Serie A a sostenere «Stop alla guerra sui bambini», la nuova campagna globale per dire basta alle sofferenze che i minori sono costretti a subire nelle aree di conflitto, dove vivono.

Sabato 18, Domenica 19 e Lunedì 20 maggio, tutte le squadre della Serie A TIM scenderanno in campo per supportare la campagna, che l'Organizzazione ha voluto lanciare nell'anno del suo Centenario, invitando tutti i tifosi a contribuire con una semplice donazione attraverso un SMS o una chiamata da telefono fisso al 45533 per dare protezione, cure e istruzione ai bambini scappati dagli orrori della guerra.

La campagna, volta a contrastare le sofferenze che milioni di bambini sono costretti a subire in zone di guerra, vede ancora una volta gli allenatori a schierarsi in prima linea con Allegri, Gasperini, Gattuso, Giampaolo, Mihajlovic, Montella, S. Inzaghi, Spalletti. Tra i club, al fianco dell'Organizzazione, ci sono l'ACF Fiorentina, che è partner di Save Children dal 2010 e ne sostiene alcuni progetti, e Juventus FC che da questa stagione sostiene ed è partner dell'Organizzazione.

TAGS:
Serie a
Save the children

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X