TOKYO 2020

Tokyo 2020, basket: l'Italia cade contro l'Australia

Gli azzurri se la giocano punto a punto fino alla fine, ma perdono 86-83

  • A
  • A
  • A

L’Italbasket, dopo la vittoria all’esordio contro la Germania, esce sconfitta dal secondo incontro del torneo maschile di Tokyo 2020 contro l’Australia: 86-83 il risultato finale, con i Boomers trascinati da 18 punti di Landale e 16 di Mills, oltre che dalle triple di Ingles nel finale, che rendono inutili i 22 di Fontecchio e i 21 di Mannion. La qualificazione non è compromessa, ma contro la Nigeria sarà sfida da dentro o fuori.

Non basta agli Azzurri di Meo Sacchetti una prestazione di assoluto livello contro un’Australia imbottita di giocatori Nba: alla sirena vincono proprio i Boomers, che la spuntano però per tre soli punti, confermando un equilibrio nel girone testimoniato anche nelle ore notturne, con la vittoria per 99-92 della Germania sulla Nigeria, prossima avversaria proprio dell’Italia nell’ultima giornata del gruppo B. La squadra azzurra, che scende sul parquet di Saitama in canotta bianca, non inizia benissimo, travolta dall’efficacia in contropiede degli australiani, ma grazie a un ottimo Simone Fontecchio riesce a concludere la prima frazione di gioco sul 25-25. L’equilibrio permane anche nel secondo periodo: l’Australia prova ad allungare con la velocità di Patty Mills, l’efficacia in area di Jock Landale e le triple di Joe Ingles, ma gli Azzurri rispondono colpo su colpo non soltanto con Fontecchio, ma anche con un buon Achille Polonara, autore al termine di una prestazione da 12 punti ben diversa da quella in chiaroscuro offerta contro i tedeschi.

Dopo l’intervallo lungo arriva il primo vero strappo: un’azione simbolo è quella del 56-22 per l’Australia, due punti arrivati in contropiede grazie a Landale dopo una palla rubata da Mills a Fontecchio. Sacchetti prova a cambiare il terminale principale dell’attacco, affidando qualche pallone pesante in più a Nico Mannion, e l’Italia, anche senza l’apporto offensivo di Gallinari e Melli, entrambi in ombra (rispettivamente 5 e 0 punti), riesce perlomeno a restare incollata alla partita fino al quarto periodo inoltrato. La guardia dei Golden State Warriors firmerà 21 punti al termine, ma non basterà per la rimonta perché, dall’altra parte, c’è un Joe Ingles da 14 punti, con 4/9 dalla distanza, che non lascia scampo alla nostra nazionale, mettendo il sigillo sul successo che, di fatto, regala la qualificazione ai quarti agli Aussies. L’Italia, invece, dovrà sudarsi un posto nella fase a eliminazione diretta: la sfida contro la Nigeria del 31 luglio sarà lo spartiacque decisivo.

ITALIA-AUSTRALIA 83-86 (25-25, 20-19, 17-21, 21-21)
Italia: Spissu 0, Mannion 21, Tonut 8, Gallinari 5, Melli 0, Fontecchio 22, Tessitori n.e., Ricci 7, Moraschini 2, Vitali 6, Polonara 12, Pajola 0
Australia: Goulding 0, Mills 16, Green 0, Ingles 14, Dellavedova 2, Sobey 0, Thybulle 7, Exum 0, Baynes 14, Landale 18, Reath n.e, Kay 15
 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments