BOTTA E RISPOSTA

Scherma, Cipressa risponde alla Di Francisca: “Non accetto voltafaccia disgustosi”

Il ct azzurro commenta duramente su Facebook le parole dell'ex olimpionica

  • A
  • A
  • A

"Non ho alcuna voglia di censurare le critiche che mi vengono mosse, purché esse siano costruttive e non si limitino a una violenza verbale inaudita e insulti pesanti e gratuiti che scaturiscono da odi, antipatie personali e faide di fazioni opposte. Sono pronto al confronto e a un mea culpa se necessario ma non accetto voltafaccia 'disgustosi' da chi, fino a poco tempo fa, mi osannava con messaggi di stima, apprezzamento e affetto. Il riferimento alla ex fiorettista Jesina che, dall'alto del suo ruolo di 'opinionista' sputa veleno nel piatto in cui ha mangiato sminuendo pure il valore di atlete che, se pure non quello sperato, hanno ottenuto un risultato olimpico degno di rispetto, non è assolutamente velato, anzi". Il ct del fioretto azzurro Andrea Cipressa, a gare olimpiche concluse, replica alle parole di Elisa Di Francisca, che nei giorni scorsi lo aveva attaccato definendolo "non all'altezza" del suo ruolo, sostenendo la necessità di un cambio di guida tecnica nella scherma. "Ringrazio Velasco per aver espresso in maniera chiara ed esplicita un pensiero che molti, fortunatamente, condividono - ha aggiunto in un post su Facebook - Non cerco giustificazioni a vittorie o sconfitte dalle une e dalle altre si impara e si costruisce. A volte però tacere è di una raffinatezza indiscussa".

Getty Images

"Succede che, anche quando hai lavorato sodo e curato ogni dettaglio, le cose non vadano come avevi sognato. Chi gareggia per vincere sa che la sconfitta è parte del gioco. Anche la più cocente - ha poi aggiunto tracciando un bilancio sulla deludente spedizione azzurra ai Giochi - Vivo di sport e per lo sport e questo mi ha fatto sperimentare sempre emozioni incredibili: da vittorie straordinarie (le ricordate ancora?) che nutrono l'anima a pesanti delusioni dalle quali credi di non poterti più riprendere. Invece ci si riprende eccome e lo dico perché l'ho vissuto sulla mia pelle. Fa male e brucia ma, nel calendario della mia mente le più crudeli cadute sono tuttora dei punti cardine della mia crescita come uomo di sport e come persona". "Quando pensi a un campione o a una persona di successo, generalmente pensi alle sue medaglie, alle sue vittorie epiche, ma difficilmente pensi alle sconfitte e alle delusioni o alle volte in cui si è sentito sopraffatto e ha pensato magari di mollare. Cadere è il rischio dell'imparare a camminare. È importante mantenere la fiducia e riprovare. Ho sempre pensato che la sconfitta in una gara, pur dolorosa, non e' una sconfitta nella vita - ha concluso Cipressa - A prescindere dall'entità della sconfitta non si perde il proprio valore, questo lo dico a tutti quelli che mi attaccano personalmente perché le loro aspettative non sono state del tutto soddisfatte. Sono consapevole del lavoro da fare e non mi nascondo certo dietro a un dito ma mal digerisco la cattiveria gratuita e la maleducazione. Chi vince festeggia e chi perde impara".

Vedi anche Scherma azzurra, Di Francisca punge: "Cipressa ct non all'altezza, Errigo troppo emotiva" Tokyo 2020 Scherma azzurra, Di Francisca punge: "Cipressa ct non all'altezza, Errigo troppo emotiva"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments