Calcio

Calcio a Tokyo 2020, triplo flop delle big: Kessie in gol, Richarlison stende la Germania

Francia e Argentina crollano contro Messico e Australia, l'Egitto blocca la Spagna. Al Brasile il big match, ok la Costa d'Avorio

  • A
  • A
  • A

Il calcio a Tokyo 2020 è all'insegna delle sorprese. A partire dalla Spagna, bloccata 0-0 dall'Egitto, fino a due cadute inattese. Crolla la Francia, schiantata da un super Messico per 4-1, e cade l'Argentina, ko 2-0 con l'Australia. Non delude invece il Brasile, che stende 4-2 la Germania con uno strepitoso tris di Richarlison. Vince infine la Costa d'Avorio, 2-1 all'Arabia Saudita con gol decisivo di Franck Kessie.

GIRONE A

La Francia non può certo contare sui migliori Under 23 del Paese, ma l'esordio con il Messico non è certo spiegabile con la mancanza dei big. I transalpini cominciano infatti la propria avventura olimpica perdendo 4-1 contro il Messico, andando sotto di due gol - Alexis Vega e Sebastian Cordova - e provando ad accorciare dal dischetto con André-Pierre Gignac: tutto inutile, con Uriel Antuna ed Eduardo Aguirre a completare la disfatta. Va sottolineato però che il girone non è proibitivo e i Blues avranno chance di rifarsi: l'altro match vede trionfare i padroni di casa del Giappone grazie alla stellina Takefusa Kubo, match-winner al 71' nell'1-0 al Sudafrica.

GIRONE B

Alla Nuova Zelanda basta una rete di Christian Wood al 70' per festeggiare con una vittoria l'esordio a Tokyo 2020. In un girone non impossibile, gli oceanici superano quindi il primo impegno e si candidano per il passaggio del turno. Termina 1-0 anche l'altra sfida del girone, con la Romania che imita i neozelandesi a li raggiunge in testa alla classifica: contro l'Honduras è decisivo l'autogol di Elvin Oliva nel recupero del primo tempo.

GIRONE C

La Spagna è una delle due candidate all'oro, insieme al Brasile, ma il lavoro da fare è ancora tanto. L'esordio contro l'Egitto termina infatti senza reti, con la squadra nordafricana che non molla un centimetro e resiste agli iberici nonostante un solo tiro in porta all'attivo. Gli spagnoli colpiscono un palo in avvio con Dani Ceballos, ma poi perdono proprio il giocatore del Real Madrid per un brutto pestone alla caviglia. A deludere all'esordio è però anche l'Argentina, che scivola contro l'Australia e si complica il cammino verso la medaglia. Rocambolesco e sorprendente il vantaggio di Lachlan Wales al quarto d'ora, poi la risposta dell'Albiceleste si ferma alla traversa di Ezequiel Barco. La gara si complica ulteriormente nei minuti di recupero con il fulmineo doppio giallo a Francisco Ortega, così i sudamericani si trovano in inferiorità numerica e, oltre a non trovare il pari, incassano il raddoppio all'80' con Marco Tilio.

GIRONE D

La Costa d'Avorio ribadisce di essere una delle squadre più competitive del torneo, anche se con qualche spavento di troppo. La squadra di Franck Kessie vince infatti 2-1 il primo match in Giappone contro l'Arabia Saudita, con il centrocampista del Milan che firma la vittoria al 66'. La selezione africana era andata in vantaggio al 39' per un'autorete di Abdulelah Al Amri, ma il pareggio di Salem Al Dawsari a fine primo tempo aveva rimesso tutto in discussione. Finale caldissimo, con la traversa colpita dallo stesso Al Dawsari all'83' e l'espulsione per gesto antisportivo di Aboubacar Doumbia nei minuti di recupero. L'unica "big" del calcio a vincere al debutto è il Brasile, che gongola con un bel poker alla Germania. I campioni olimpici in carica aprono in scioltezza il big match del giorno, per poi rischiare solamente nei minuti conclusivi una clamorosa rimonta. Protagonista assoluto del 4-2 è Richarlison, in gol tre volte al 7', 22' e 30': Matheus Cunha fallisce un rigore nel recupero, poi Nadien Amiri accorcia a inizio ripresa prima dell'espulsione di Maximilian Arnold. Ragnar Ache all'82' rimette in discussione il risultato, ma Paulinho al 95' sigilla il successo carioca.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments