Rio 2016, Tiro a volo: tripudio Italia, Bacosi d'oro, argento Cainero

Nella finale tutta azzurra dello skeet Diana vince al debutto olimpico mentre Chiara si arrende per un solo piattello

(Afp)

E' grande Italia nello skeet donne del tiro a volo alle Olimpiadi di Rio 2016. Diana Bacosi vince la medaglia d'oro ai suoi primi Giochi dopo aver battuto in una serrata finale l'altra azzurra, l'esperta Chiara Cainero, già oro a Pechino 2008. A dividerle un solo piattello: 15 su 16 quelli centrati dalla Bacosi, 14 per la Cainero, infallibile in semifinale. Le medaglia di bronzo è andata alla statunitense Kimberly Rhode, campionessa olimpica uscente.

Dopo le delusioni di Londra, l'Italia si riscatta alla grande nello skeet donne del tiro a volo. Quattro anni fa Chiara Cainero, campionessa di Pechino 2008 chiuse sesta, stavolta in Brasile va in scena addirittura una finale tutta azzurra. La 38enne di Udine è infallibile in semifinale, con 16 piattelli centrati su 16, ma nella sfida per la medaglia d'oro si deve arrendere alla connazionale Diana Bacosi, 33 anni umbra alla prima Olimpiade. La differenza tra l'oro e l'argento è un piattello: la Bacosi ne rompe 15 (inizia con 8 su 8), la Cainero si ferma a 14 (2 errori decisivi nei primi 4 tiri). La medaglia di bronzo va alla 37enne americana Kimberly Rhode che supera nella finale per il terzo posto la cinese Wei e resta sul podio dopo l'oro di Londra.

BACOSI: "IL MIO ORO DA MAMMA"

"E' stato un duello all'italiana, qualcosa che avevo sognato a lungo". Diana Bacosi racconta al mondo la sua emozione. "Ho battuto Chiara - spiega un istante dopo aver vinto l'oro - di cui sono anche amica, pero' durante il medal match ho pensato solo ai piattelli e non a lei. Era ora, mi sono sacrificata tanto. Quando sul tabellone ho visto che ero oro ho cominciato a piangere. Siamo due mamme sul podio e due mogli: la nostra vita va sempre di corsa, ma vogliamo fare sempre bene nel triplice ruolo".

"Nei miei sogni di tiratrice - racconta ancora l'umbra Bacosi - c'era di vincere un'Olimpiade e poi ripetere l'esultanza del mio ct Andrea Benelli ad Atene. Volevo farlo ma non ci sono riuscita per via del'emozione: piangevo troppo perche' ho realizzato il mi sogno di una vita sportiva. Ci credevo tanto, e ho lavorato per questo". Al contrario della Cainero, che a Rio ha portato genitori, marito e figlio, la Bacosi era senza famiglia al seguito. "Qui non ho voluto nessuno della mia famiglia, anche se li amo moltissimo - spiega -, perche' questa cosa doveva essere soltanto mia. Ho preferito rimanere da sola, e loro hanno capito. Ora sono talmente felice che non riesco neanche a trovare le parole da dire a mio figlio di 7 anni appena lo rivedo". Emozionatissimo e felice anche il ct Andrea Benelli. "Ho vinto un'Olimpiade da tiratore e adesso anche da commissario tecnico - dice -: e' una soddisfazione immensa, e fatemelo dire. Ero certo che qui le mie donne avrebbero fatto bene, ho visto come hanno lavorato in allenamento".

TAGS:
Rio 2016
Skeet
Bacosi
Cainero

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X