Giro d'Italia: Nizzolo si ritira, messo ko dall'asma

Il campione italiano: "Ho dato tutto! Abbandono per non compromettere tutta la stagione"

Giro d'Italia: Nizzolo si ritira, messo ko dall'asma

Dopo la decima tappa è terminato il Giro d'Italia di Giacomo Nizzolo. Il campione italiano è stato messo ko dall'allergia e dall'asma e i medici della Trek-Segafredo ha deciso di fermarlo. Il ciclista brianzolo sul suo sito ha scritto una lettera: "Ho dato tutto per onorare la maglia tricolore, spero di esserci riuscito". Il Giro del centenario per Nizzolo si è concluso con un quarto posto a Olbia e un terzo a Cagliari.

IL MESSAGGIO DI GIACOMO

Che non sarebbe stato il “solito” Giro d’Italia lo sapevo. Forse lo avevo capito già a Gennaio, a Febbraio, alle prese con quella maledetta tendinite che sembrava dovesse andarsene da un momento all’altro, e invece non se ne andava mai. Ho avuto paura, parecchia, che questo #Giro100 in maglia tricolore sarebbe rimasto solo un dolorosissimo miraggio. Ho lottato, ci sono arrivato, e devo ringraziare la Trek-Segafredo per averci creduto, e avermi dato l’opportunità di essere al via in Sardegna.

Con sei giorni di corsa nelle gambe, sapevo che ci sarebbe stato da soffrire, ma mi ero preparato a farlo. Quarto a Olbia, terzo a Cagliari, più di testa che di gambe, ma c’ero. Poi l’allergia, l’asma, la sofferenza giorno dopo giorno: faticavo a recuperare, ma ho stretto i denti, sperando di potermi sentire di nuovo me stesso in tempo per Reggio Emilia e Tortona. Ma dopo la crono, i medici del team sono stati categorici: non è il caso di andare avanti.

Non era il caso perché a Reggio Emilia e Tortona non sarei stato competitivo, perché c’è ancora una stagione lunga da vivere, e perché credo di essere migliore di quello che ho potuto dimostrare in questo Giro. Ma lasciare la Corsa Rosa per la prima volta mi ha fatto male, mi fa male, anche per i tanti che mi scrivono tutti i giorni sui social, raccontandomi che aspettavano di vedermi nelle tappe conclusive, vestito del tricolore. Purtroppo, non ci sarò.

Adesso che si fa? Si recupera, si torna in corsa a Giugno, e si prepara la seconda metà di stagione. Perché c’è ancora tanto da fare e da dare in questo 2017, e perché voglio far sorridere quei tifosi che speravano di vedermi in questo finale di Giro, magari a braccia alzate. Una promessa la faccio: Giro, tornerò e tornerò presto. E sarà tutto diverso.

TAGS:
Nizzolo
Giro d'Italia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X