EURO 2024

Euro2024, nessuna rete nel gruppo C: l'Inghilterra chiude prima, out la Serbia

Finiscono 0-0 sia il match tra gli inglesi e la Slovenia, che quello tra i serbi e la Danimarca. Gli scandinavi chiudono secondi e sfideranno la Germania
  • A
  • A
  • A
Euro2024, nessuna rete nel gruppo C: l'Inghilterra chiude prima, out la Serbia - foto 1
© Getty Images

Poche emozioni e molti tatticismi nelle gare del gruppo C, che si chiude con un doppio 0-0. Una deludente Inghilterra non riesce infatti a sfondare contro la Slovenia, con Kane e Bellingham ombra di sé stessi, ma chiude in vetta al girone con 5 punti e sfiderà una delle terze. Out invece la Serbia, che non tira mai in porta con la Danimarca. Eriksen e compagni chiudono secondi, precedendo gli sloveni, per il miglior piazzamento nelle qualificazioni.

INGHILTERRA-SLOVENIA 0-0

LA PARTITA
Continua a non convincere l'Inghilterra, che sbatte sulla Slovenia: 0-0 senza spaventare troppo Oblak e primo posto, aspettando una delle migliori terze. Il RheinEnergieStadion di Colonia assiste a un avvio equilibrato, dettato dalla scarsa verve inglese e dal 4-4-2 pragmatico degli sloveni. La prima chance è per Sesko e compagni, che spaventano i rivali su punizione: il sinistro di Janza sibila a lato di poco. L'Inghilterra si vede annullare il gol di Saka (20') per un precedente offside di Foden, ma non riesce quasi mai a sfondare. Kane e compagni hanno le polveri bagnate, con Bellingham fuori dalla manovra, e vanno al riposo sullo 0-0. La musica non cambia nella ripresa, dove l'Inghilterra alza la pressione con Foden e Palmer, subentrato a Saka, ma non riesce a sfondare. La Slovenia ha un paio di chances, non sfruttate, in contropiede e concede qualche minuto a Josip Ilicic. Il risultato non cambia e finisce 0-0, un risultato che permette alle squadre di andare a braccetto agli ottavi: l'Inghilterra da prima, la Slovenia da terza. La qualificazione, festeggiata dopo il fischio finale, è già certa per la miglior differenza reti sull'Ungheria (A) e il maggior numero di punti nei confronti della Croazia (B). 

LE PAGELLE 
Palmer 6.5
- Southgate gli concede 19' più recupero e la stella del Chelsea prova a sfruttarli, sfiorando la rete nei minuti finali. Fornisce impeto e soluzioni nuove, meriterebbe più spazio. 
Guehi 5.5 - La Slovenia è poca cosa in attacco, con Sporar più incisivo di Sesko, ma il difensore del Crystal Palace sbaglia comunque tre-quattro chiusure. Prestazione rivedibile. 
Bellingham 5 - Il giocatore che aveva incantato tutti nel Real Madrid è fermo al gol segnato nella prima giornata e nell'unica vittoria inglese. Impalpabile coi danesi e, stasera, costantemente fuori dal gioco. Senza di lui, la squadra non gira. 

Karnicnik 6.5 - Una delle rivelazioni di Euro2024, per le sue capacità atletiche e difensive. L'autore della rete del vantaggio contro la Serbia non delude, riuscendo a contenere Saka. 
Bijol 6.5 - Prova di sostanza e cattiveria agonistica del centrale dell'Udinese, che riesce a vincere più di un duello fisico con Harry Kane. 
Sesko 5.5 - Ci si aspettava molto da lui in questi Europei, invece non ha ancora inciso. Avrà un'ulteriore chance negli ottavi, ma la sua prova è insufficiente: non è mai nel vivo dell'azione. 

IL TABELLINO
INGHILTERRA (4-2-3-1)
: Pickford 6; Walker 6, Stones 6, Guehi 5.5, Trippier 6 (39' st Alexander-Arnold sv); Gallagher 5.5 (1' st Mainoo 6), Rice 6; Saka 6 (26' st Palmer 6.5), Bellingham 5, Foden 6 (45' st Gordon sv); Kane 5.5. A disp.: Ramsdale, Henderson, Shaw, Konsa, Dunk, Toney, Watkins, Bowen, Eze, Gomez, Wharton. Ct: Southgate
SLOVENIA (4-4-2): Oblak 6; Karnicnik 6.5, Drkusic 6, Bijol 6.5, Janza 6 (45' st Balkovec sv); Stojanovic 6, Cerin 6.5, Elsnik 6, Mlakar 6 (39' st Stankovic sv); Sporar 6 (39' st Celar sv), Sesko 5.5 (31' st Ilicic 6). A disp.: Belec, Vekic, Blazic, Verbic, Lovric, Kurtic, Horvat, Vipotnik, Brekalo, Zugelj, Zeljkovic. Ct: Kek
Arbitro: Turpin (Fra)
Ammoniti: Trippier (I), Janza (S), Guehi (I), Bijol (S), Foden (I).

DANIMARCA-SERBIA 0-0

LA PARTITA
La Danimarca chiude seconda nel gruppo C, la Serbia è eliminata con uno scialbo 0-0. Sono questi i verdetti dell'altra sfida delle 21, che ci consegna uno scenario mai visto: i danesi e gli sloveni sono pari in ogni criterio (scontri diretti, differenza reti, gol segnati e subiti, ammonizioni). Eriksen e compagni chiudono così secondi per il miglior piazzamento nella classifica generale delle qualificazioni: avevano infatti chiuso davanti agli sloveni nel gruppo H. L'Allianz Arena assiste a un ottimo avvio degli scandinavi, che hanno due risultati su tre e rispondono perfettamente al possesso palla serbo: pressing asfissiante e recupero alto del pallone. Bah e Wind non riescono a centrare la porta, mentre Eriksen impegna Rajkovic con un tiro dal limite dell'area. Sull'azione seguente Jonas Wind urla alla rete, ma è lui stesso a spingere in porta portiere e pallone con un'azione fallosa. Nulla da fare per i danesi, che in una partita ricca di errori a centrocampo si costruiscono altre occasioni e non sfondano: è 0-0 al riposo, con un deludente "zero" alla voce tiri in porta per la Serbia. Nella ripresa Mitrovic (in fuorigioco) causa l'annullamento dell'autorete di Andersen, ed è ancora più pericolosa la Danimarca: Skov Olsen e Vestergaard impegnano Rajkovic. I serbi, con Tadic e Vlahovic in campo insieme a Jovic e Mitrovic, si rendono pericolosi solo nel finale: Mitrovic e Milinkovic-Savic non trovano la rete. Finisce 0-0 e la Serbia termina mestamente il suo cammino nei gironi: è quarta con 2 punti, dietro a Danimarca e Slovenia (3), non rendendosi mai pericolosa nel match decisivo.

LE PAGELLE
Eriksen 6.5
- Domina il gioco con prontezza e intelligenza nei suoi movimenti, gestendo ogni singola azione della Danimarca. La miglior occasione da gol, in 90' abulici, è sua: Rajkovic devia in corner.
Wind 5 - Un primo tempo da dimenticare. Commette falli su falli, si vede annullare un gol generato "lanciando" Rajkovic in porta e perde moltissimi palloni. Giusto il cambio immediato. 
Rajkovic 6.5 - Tiene in vita la Serbia con due parate decisive, evitando le reti di Eriksen e Vestergaard. Nella prestazione scialba dei suoi, è senza dubbio il migliore. 

Mitrovic 6 - In una Serbia che tira in porta solo nel recupero, è uno dei pochi che trovano regolarmente la posizione. Si costruisce un paio d'occasioni, ma ha le polveri bagnate. 
Samardzic 5.5 - Stojkovic lo schiera titolare, ma il gioiello dell'Udinese spreca l'occasione. Non riesce mai a collegarsi con Mitrovic e sbaglia moltissimi palloni. 

IL TABELLINO
DANIMARCA (3-4-1-2)
: Schmeichel 6; Andersen 6, Vestergaard 6.5, Christensen 6; Bah 6 (32' st Kristiansen 6), Hjulmand 6.5 (32' st Delaney 6), Hojbjerg 6, Maehle 6; Eriksen 6.5 (43' st Poulsen sv); Wind 5 (1' st Skov Olsen 6), Hojlund 5.5 (14' st Dolberg 6). A disp.: Hermansen, Ronnow, Kjaer, Jensen, Jorgensen, Damsgaard, Norgaard, Dreyer, Kristensen, Bruun Larsen. Ct: Hjulmand

SERBIA (3-4-2-1): Rajkovic 6.5; Veljkovic 6, Milenkovic 6, Pavlovic 6; Mijailovic 5.5 (28' st Mladenovic 6), Ilic 6 (22' st Vlahovic 5.5), Gudelj 5.5 (1' st Jovic 5.5), Zivkovic 6; Samardzic 5.5 (1' st Tadic 6), Lukic 5.5 (43' st S. Milinkovic-Savic sv); Mitrovic 6. A disp.: Petrovic, V. Milinkovic-Savic, Stojic, Maksimovic, Babic, Ratkov, Gacinovic, Spajic, Birmancevic. Ct: Stojkovic 
Arbitro: Letexier (Fra)
Ammoniti: Milenkovic (S), Wind (D), Hjulmand (D), Mitrovic (S). 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti