Le pagelle dell'Italia: Chiellini indimenticabile, Buffon strepitoso

Solo voti alti: fantastica prova di Bonucci, Parolo e De Sciglio

di PEPE FERRARIO, nostro inviato a Parigi

Buffon 8 - Poche cose ma ottime. Sicuro su Iniesta, tranquillo su Morata, perentorio in uscita su Aduriz. Straordinario su Piqué.

Barzagli 7,5 - Elegante, essenziale e pulito. C'è sempre: corre come un ventenne con l'esperienza del veterano a sostegno. Un mix che fa la differenza.

Bonucci 8 - Un muro invalicabile, il cartello "the end" su ogni tentativo spagnolo. Impeccabile nel contrasto, perfetto nel posizionamento, duro nella marcatura, elegante nelle uscite palla al piede. Un vero leader. Anche quando c'è da soffrire sa infondere sicurezza a chi gli sta vicino.

Chiellini 8 - Gol fortunoso quanto prezioso. L'uomo delle sportellate, del gioco sporco, delle chiusure al limite. Il difensore da cui ogni attaccante vorrebbe girare al largo. Una giornata indimenticabile.

Florenzi 7 - Polmoni da maratoneta che ingolfano testa e gambe di Alba. Pecca un paio di volte nel tocco finale ma il suo apporto sulla fascia è più che positivo. Non fa rimpiangere Candreva.

Parolo 7 - Il centrocampista che ogni tecnico spera di avere. Spezza la manovra avversaria, assiste i compagni, si propone in avanti. Con doti di resistenza da fondista.

De Rossi 6,5 - Meglio in appoggio e contenimento che non in fase di costruzione. Resta in campo per 53 minuti e se il centrocampo tanto tecnico della Spagna fatica oltremisura è anche merito suo. Lascia, poco convinto, per Motta.

Giaccherini 7,5 - Il più "brasiliano" degli azzurri si inventa una rovesciata stile "Fuga per la vittoria" in apertura di partita e un destro a giro alla Del Piero in chiusura di primo tempo. Nella ripresa veste i panni del lottatore, prodigandosi anche in chiusura nel momento del forcing spagnolo.

De Sciglio 7,5 - Corre, difende, crossa. Ha il passo giusto per tenere Silva e mettere in apprensione Juanfran. Copre con personalità e attacca con intelligenza. Difficile togliergli il posto dopo oggi pomeriggio.

Eder 7,5 - Propizia il gol con una punizione velenosa che inganna De Gea. Prima e dopo scatti, allunghi e sponde che spiegano perché Conte non voglia prescindere da lui. Si vede negare il gol da De Gea, è vero, ma è altrettanto certo che Piqué e Ramos faticheranno per un po' a dimenticarselo.

Pellè 7,5 - Il gol ancora nel finale, ancora per il raddoppio, a suggellare il trionfo azzurro. Ancora, come contro il Belgio, al termine di una partita di grande fatica e tanta sostanza.

Thiago Motta 6,5 - In campo per De Rossi mette in gioco le sue caratteristiche. E quando serve, sa picchiare. Ammonito, salterà la Germania.

Insigne 7 - Partecipa alla festa azzurra con un bolide che impegna De Gea. Partecipa all'azione da cui nasce il 2-0.

Darmian 6,5 - Entra per lo stremato Florenzi e serve il pallone per il raddoppio di Pellè.

All. Conte 8 - L'uomo delle imprese straordinarie, fa giocare ai suoi una partita "oltre la ragione". Partita perfetta.

TAGS:
Pagelle
Pepe ferrario
ItaliaSpagna
Euro 2016