Euro 2016: troppa Germania, Slovacchia demolita

Finisce 3-0 il match di Lille, reti di Boateng, Gomez e Draxler (Ozil sbaglia un rigore). Adesso i tedeschi nei quarti attendono la vincente di Italia-Spagna.

La Germania passeggia negli ottavi di finale di Euro 2016: netto il 3-0 inflitto alla Slovacchia in un match a senso unico. Troppo forte la squadra di Loew per Hamsik e compagni. A Lille i tedeschi passano dopo appena 8 minuti, Boateng inventa un gran tiro dal limite che trova l'angolino. Al 14' Ozil si fa parare un rigore, ma il raddoppio arriva comunque al 43' con l'ex Fiorentina Mario Gomez. Draxler al 63' chiude i conti. Germania ai quarti.

ZoomDisattiva slideshow
Foto 1

Ansa

Foto 2

Ansa

Foto 3

Ansa

Foto 4

Ansa

Foto 5

Ansa

Foto 6

Ansa

Foto 7

Ansa

Foto 8

Ansa

Foto 9

Ansa

Foto 10

Ansa

Foto 11

Ansa

Foto 12

Ansa

Foto 13

Ansa

Foto 14

Ansa

Foto 15

Ansa

Foto 16

Ansa

Foto 17

Ansa

Foto 18

Ansa

Foto 19

Ansa

Foto 20

Ansa

Foto 21

Ansa

Foto 22

Ansa

Foto 23

Ansa

Foto 24

Ansa

Foto 25

Ansa

LA PARTITA

A Lille la Germania ottiene il pass per i quarti di finale travolgendo 3-0 una modestissima Slovacchia. Di Boateng al 9', Mario Gomez al 43' e Draxler al 63' i gol che decidono il match in favore della squadra di Loew. Tedeschi mai in difficoltà al cospetto di una Slovacchia parsa davvero troppo brutta per essere vera. Ora Kroos e compagni attenderanno con trepidazione la gara di domani tra Spagna e Italia dalla quale uscirà la sfidante di quella che è al momento la grande favorita alla vittoria finale.

Tedeschi subito in controllo del match sin dalle prime battute di gioco. La squadra di Loew passa in vantaggio già al 9' con una botta al volo di Boateng sugli sviluppi di un calcio d'angolo di Kroos. Al 13' Kozacik neutralizza un rigore (leggera spinta di Skrtel su Gomez) a Ozil, che al 24' ha nuovamente sul piede il pallone del raddoppio ma di prima intenzione manda di un soffio a lato. Germania padrona assoluta del terreno di gioco. Il monologo della squadra di Loew conosce una pericolosa sosta al 42', quando Kucka impegna severamente Neuer con un colpo di testa su cross di Pekarik. Ma quello slovacco è un autentico fuoco di paglia. Un minuto più tardi, infatti, Draxler umilia lo stesso Kucka in area di rigore slovacca e porge a Gomez il cioccolatino da scartare per il 2-0 con cui le squadre vanno negli spogliatoi.

Nella ripresa la squadra di Kozak prova a mettere maggiore pressione alla retroguardia tedesca ma i risultati sono modesti. Al 50' Hamsik scarica per Kucka che esplode il destro al limite ma Neuer disinnesca con facilità il bolide centrale del centrocampista rossonero. Hamsik ci prova su punizione, senza esito. Pochi istanti dopo la Germania chiude i conti con il terzo gol: angolo di Kroos, sponda di Hummels e Draxler con una chirurgica girata al volo fissa il risultato sul definitivo 3-0. Gara sontuosa quella del trequartista del Wolfsburg, per distacco il migliore in campo in una gara mai veramente in discussione. La Slovacchia esce così mestamente dalla rassegna continentale, mentre la Germania trova la migliore prestazione possibile in vista dei quarti, quando i teutonici incroceranno i guantoni con la vincente di Italia-Spagna.

LE PAGELLE

Kozacik 7,5 - Incolpevole sui gol, si esalta sul rigore al 13' di Ozil e su un piattone a colpo sicuro di Kroos nel finale. Ultimo a mollare.

Hamsik 5 - Kozak lo mette a tutto campo ma il gioiello del Napoli non trova mai la posizione e non riesce a portare patemi nella metacampo tedesca. Faro senza luce.

Draxler 7,5 - Gara strepitosa del talento di Gladbeck. Semina Kucka e porge l'assist in occasione del raddoppio di Gomez al 43'. Poi si mette in proprio e suggella una prestazione da autentico predestinato con il 3-0 che chiude il match. Mattatore.

Mario Gomez 7 - Si procura con esperienza il rigore che poteva chiudere ancor prima una gara mai in discussione. Si fa trovare puntuale e preciso sull'assist al bacio di Draxler per il raddoppio e nel complesso mostra un'ottima intesa coi talenti che lo affiancano. Prezioso.

Hector 7 - Travolgente a sinistra. Rappresenta la chiave tattica con la quale Low scardina il prevedibile fortino slovacco. Martello.

IL TABELLINO

GERMANIA-SLOVACCHIA 3-0
GERMANIA (4-2-3-1): Neuer 6,5; Boateng 7 (26' st Howedes 6), Hector 7, Hummels 6,5, Draxler 7,5 (27' st Podolski 6); Khedira 6 (32' st Schweinsteiger 6), Kimmich 6,5; Kroos 7, Ozil 5,5, Gomez 7; Muller 7. A disposizione: Leno, Ter Stegen, Can, Mustafi, Tah, Gotze, Sané, Weigl, Schurrle. All.: Loew 7.
SLOVACCHIA (5-3-2): Kozacik 7,5; Durica 5, Gyomber 4 (39' st Salata sv), Pekarik 6, Skriniar 4,5, Skrtel 5; Hamsik 5, Hrosovsky 5,5, Kucka 6; Weiss 6 (1' st Gregus 6), Duris 5,5 (19' st Sestak 5,5). A disposizione: Mucha, Novota, Hubocan, Svento, Duda, Mak, Pecovsky, Stoch, Nemec. All.: Kozak 5.
MARCATORI: 8' Boateng, 43' Gomez, 18' st Draxler
ARBITRO: Marciniak (POL)
AMMONITI: Hummels, Kimmich (G), Kucka, Skrtel (S)

TAGS:
Calcio
Euro 2016
GermaniaSlovacchia