DALL'OSPEDALE

Eriksen: "Voglio capire cosa è successo. Io sarei pronto per allenarmi..."

Il centrocampista danese ha parlato con il suo agente: "Colpito da tanto affetto"

  • A
  • A
  • A

Le sue parole arrivano attraverso il suo agente e soprattutto amico Martin Schoots. Ci basta questo. Un altro segnale che l'incubo è alle spalle, che Christian Eriksen è tornato alla vita dopo aver sfiorato la morte. Eriksen vuole capire quello che è successo, tutti vogliono sapere cosa ha provocato il crollo in campo al 43' della gara tra la sua Danimarca e la Finlandia e l'arresto cardiaco: né all'Inter, come ha confermato il Dottor Volpi, né al Tottenham, il centrocampista ha mai accusato problemi di natura cardiaca.

Finora tutti gli accertamenti sono risultati negativi ma i medici del Rigshospitalet di Copenaghen, dove il danese è stato subito trasportato dopo il dramma, vogliono vederci chiaro fino in fondo. "Era felice perché ha capito quanto amore ha intorno - ha detto Schoots alla Gazzetta dello Sport - Gli sono arrivati messaggi da tutto il mondo ed è stato colpito da quelli dell'Inter, non solo compagni di squadra ma anche tifosi". Ringrazia tutti Eriksen e a tutti fa sapere che non molla. Gli hanno salvato la vita, Christian vuole ricominciare a viverla come prima.

Vedi anche Eriksen, parla l'esperto: "Il miracolo è avvenuto, lo hanno strappato alla morte" Euro 2020 Eriksen, parla l'esperto: "Il miracolo è avvenuto, lo hanno strappato alla morte"
"Come state? Mi sa che siete messi peggio di me. Io sarei pronto per allenarmi", ha detto ai suoi compagni della Danimarca in videochiamata. Li ha rassicurati, dopo il terrore nei loro occhi e le lacrime versate per lui in quei momenti drammatici. Ed è pronto a tifare per loro nella partita contro il Belgio di Lukaku. Sì, Big Rom, che ha subito pensato a Christian dopo il gol segnato alla Russia con un messaggio urlato a tutto il mondo: "I love you".

Europei ora per ora
Vedi tutte

Europei

  • CALENDARIO
  • CLASSIFICA
  • MARCATORI
GIORNATA
CLASSIFICA
MARCATORI
Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments